Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Milan Gattuso: Complimenti al Parma quando riparte fa paura
Milan,

CARNAGO (VA) – Il Milan è in piena emergenza (infortuni) ma domani col Parma non può permettersi altri passi falsi, in attesa del mercato di gennaio che si preannuncia importante (Ibrahimovic e Fabregas). Alla vigilia della sfida di domani a San Siro, ore 12,30, ha parlato Gennaro Gattuso: il tecnico ha elogiato le qualità del Parma e messo in allerta i suoi. Ecco tutti i tempi affrontati da Gattuso nella conferenza stampa del pomeriggio a Milanello seguita anche da Sportparma:

IL PARMA: “Mi preoccupa la fisicità del Parma, squadra che in campo aperto ti può fare male, gioca con grande convinzione. Quando riparte fa paura. Fa un calcio non facile da fare; ma non è solo contropiede, gioca stretto, esce bene dalla pressione e ha quei due giocatori davanti che fanno male, Gervinho e Inglese. Domani per me giocherà anche Biabiany, altro giocatore con il motorino, che quando ripiega fa anche il quinto a centrocampo.
Il Parma gioca con quattro centrali puri. E‘ una squadra che lavora tantissimo. Si difende in otto, chi conquista palla va subito in avanti per ribaltare l‘azione velocemente. Quello che fa, lo fa in maniera eccezionale. Chi ha costruito la squadra, lo ha fatto con criterio, con giocatori funzionali per quel tipo di calcio. Complimenti, non è facile affrontare il Parma per come sta giocando ora”.

CUTRONE E BAKAYOKO: “Hanno preparato la partita stamattina, si sono allenati, ma non sono al massimo. Sono a disposizione per domani”.

CRISTIANO RONALDO: “E‘ tutto vero quello che ha detto Mirabelli15.09 01/12/2018, c‘è stata quella possibilità, ma confermo tutto quello che ha detto”.

LA PRESSIONE DEI MEDIA: “Vivo il Milan così come lo vivevo da calciatore. Mi bastava sbagliare due partite da calciatore, che usciva fuori che avevo i piedi di legno, che sapevo solo correre, litigare e fare casino. Per me era uno stimolo a far vedere che non era così. Ora è uguale. Il segreto per gestire bene la pressione? Leggere poco, lavorare sempre e e quando torni a casa isolarti con la tua famiglia”.

L’EX MAURI E DUBBI A CENTROCAMPO: “Ha fatto bene quei 35‘ che è entrato in Europa League, ora però si deve confermare. Bertolacci ha sbagliato un po‘ di palloni, ma la sua prestazione non era da buttare via. Ora bisogna continuare a dimostrarsi di farsi trovare sempre pronti. Le gerarchie non sono cambiate. C‘è anche Montolivo, che viene in panchina, ha anche lui la possibilità di scendere in campo”.

SECONDO ANNO AL MILAN: “Spero di migliorare, di riuscire a contare fino a dieci almeno ogni tanto. Adesso siamo solo a 2/3… Bisogna fare esperienza e crescere. Devo imparare a leggere prima e meglio la partita, cercando di sbagliare il meno possibile a livello tecnico-tattico”.

GIOCARE ALLE 12,30: “Qualcuno ha sbagliato a scrivere le mie parole. Io non sono contrario alla partita alle 12.30. Se si fosse giocato alle 18 ci sarebbe sicuramente meno pubblico. Io ho solo contestato il fatto che abbiamo giocato il giovedì e giochiamo alle 12.30 di domenica. Ho pensato al mio orticello e al recupero dei miei giocatori, senza offendere nessuno. In questo momento la gente apprezza molto i sacrifici che sta facendo la nuova società e apprezza l’impegno che la squadra sta mettendo”.

(Matteo De Rondis)