Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Desports-Parma complicazioni cinesi: Investire nel calcio è proibito
Desports-Parma,

Jiang Lizhang (Desports) e il Parma, una storia tutta da scrivere. Dopo lo sbarco del luglio scorso e il versamento di una parte della cifra pattuita per comprare il 60% del club crociato, le cose si sono maledettamente complicate. Esportare capitali dalla Cina ed investirli nel mondo del calcio non è più possibile, almeno per il momento. La conferma è arrivata ieri sera da Fu Yixiang, vicepresidente della Camera di commercio italo-cinese, che ai microfoni di Telelombardia (TopCalcio24) ha spiegato chiaramente quali sono i problemi che stanno frenando l’acquisizione del Parma e non solo (vedi Inter e Milan): “In questo momento il calcio è uno di quei settori in cui è proibito investire per la Cina. Da settembre dell‘anno scorso è stata ristretta la possiblità di esportare capitale cinese all‘estero, questo ha reso più difficile fare certe operazioni, come ad esempio è successo al Milan. Quest‘anno c‘è stata poi l‘indicazione chiara. Il ministero cinese ha dato una indicazione precisa in cui ha quantificato gli investimenti favorevoli, consigliati e vietati. Tra questi ultimi ci sono immobiliare, turismo e i club sportivi“.

Fu Yixiang parla anche del caso Parma, nello specifico: “La situazione riguarda anche l‘investimento nel Parma. Il problema non è tanto pagare qualche milione ma le prospettive di investimento futuro. Gli investimenti nel calcio sono considerati incomprensibili in cui non c‘è un vero ritorno in termini economici e si pensa che ci sia rischio di riciclaggio“.
Investimenti bloccati, dunque, e multe salatissime: “La federazione calcistica cinese – continua Yixiang – ha attuato un regolamento per frenare i trasferimenti. Per ogni milione che si paga all’estero se ne deve versare uno a titolo di multa, che viene data per lo sviluppo interno del calcio. Il regolamento dice che questi soldi saranno destinati ai giovani giocatori cinesi”.

Restrizioni che potrebbero far saltare accordi ed equilibri. Il Parma, intanto, continua a coprire i costi di gestione grazie all’impegno dei “famosi” 7 soci che ad inizio stagione hanno garantito la copertura dei costi per il calciomercato e la stagione in corso. Ora il problema è capire se Jiang Lizhang riuscirà ad “aggirare” i limiti imposti dal governo cinese, oppure dovrà trovare soluzioni alternative, senza escludere la possibilità di dover fare un passo indietro.

L'articolo Desports-Parma, complicazioni cinesi: “Investire nel calcio è proibito” รจ condiviso da SportParma.