Privacy | Cookie policy        
HOMESerie A 2020/21CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2019/2020 2018/2019 2017/2018 2016/2017 2015/2016 2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Calciomercato: Parma il dilemma degli attaccanti

Tutti li vogliono, ma nessuno paga cash. E il Parma si interroga sul da farsi.

Il futuro di Cornelius (27 anni) e Inglese (29), entrambi ancora a secco di gol in campionato, è un grande dilemma. Il ritorno di Roberto D’Aversa sulla panchina crociata è sinonimo di garanzia per entrambe i giocatori, tant’è che il tecnico abruzzese avrebbe chiesto alla società di trattenerli fino a fine campionato; ma allo stesso tempo ci sono diversi club che bussano alla porta per chiedere informazioni e imbastire possibili trattative.

L’elenco della squadra italiane interessate a Cornelius e Inglese è ben assortito: il danese piace molto al Benevento che già in estate aveva provato a portarlo alla corte di Pippo Inzaghi, ma non ci riuscì perché la distanza tra domanda e offerta era incolmabile. Ora la situazione potrebbe cambiare, purché il Benevento si accolli l’obbligo di riscatto, da esercitare a giugno, fissato intorno ai 15 milioni di euro (il giocatore è di proprietà dell’Atalanta). Cifre molto importanti di questi tempi.

Discorso differente per Inglese, il quale malgrado gli infortuni e una condizione non ottimale, ha estimatori di ogni tipo, dai top club, dove andrebbe a fare la terza o quarta punta, alle squadre di metà classifica: Milan, Inter, Fiorentina, Bologna. Il problema è soprattutto di natura: il Parma lo ha riscattato dal Napoli per 22 milioni di euro e non può permettersi in lusso di “regalarlo” in prestito, o mettere a bilancio una pesante plusvalenza. Purtroppo in tempi di Covid-19 le cifre sborsate dal Parma rischiano di trasformarsi in utopia; motivo per cui, oltre alla volontà di D’Aversa, Inglese pare destinato a restare a Parma, alla ricerca della felicità perduta, del gol e di una salvezza che si sta complicando col passare delle settimane.

 

L'articolo Calciomercato: Parma, il dilemma degli attaccanti proviene da SportParma.