Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Pizzarotti le maglie della discordia e una scintilla da trovare
Pizzarotti,

La situazione di casa Parma è estremamente delicata, i motivi sono molteplici, ma non è certo questo il momento dei processi, come ha anche ripetuto mister Carmignani (Il Gede) all’interno della sua rubrica (leggi qui). Questo è il momento dell’unione, di sprigionare quella forza interiore che fa parte del dna del tifo crociato. E’ il momento della passione.
Da ieri sera sui social circolano alcuni video che riprendono il momento in cui il presidente Pietro Pizzarotti si vede restituire dalla curva un paio di magliette precedentemente donate ad alcuni tifosi, al termine del derby. Apriti cielo, i video hanno generato migliaia di clic e commenti, una valanga di pessimismo. Oggi in serata lo stesso Pizzarotti, ai microfoni di 12TvParma, ha precisato: “Due tifosi mi hanno chiesto delle magliette, le ho prese e gliele ho date istintivamente, senza pensare che potesse essere un gesto offensivo nei confronti di altri. Se ho offeso qualcuno chiedo scusa. Giustamente da parte dei tifosi c’era rabbia, il match ha provocato rabbia anche a noi”.

Non è il gesto in sé ad aver acceso un polverone attorno alla vicenda, che comunque fa parte delle logiche ultras (rifiutare la maglia dopo una sconfitta così umiliante), ma il fatto che per la prima volta dalla rinascita del Parma Calcio 1913, il tifo gialloblù abbia manifestato in modo così evidente il proprio dissenso contro la proprietà. La delusione è a livelli da record, le accuse sono di varia natura e D’Aversa è uno dei più bersagliati dalle critiche. Una rivolta composta, figlia di un girone di ritorno disastroso (solo 2 vittorie), tra infortuni pesanti, sconfitte (8), cambi di modulo, giocatori dispersi (Dezi, Machin e Stulac), espulsioni eccellenti (Bruno Alves) e una condizione psicofisica da codice rosso. Una squadra monocorde, senza alternative nella costruzione del gioco, senza un’anima, che si sta sciogliendo sotto il sole (o pioggia) di maggio. E ora sente il fiato sul collo delle inseguitrici. La lotta salvezza, infatti, è un thriller pazzesco.

In questo momento c’è bisogno di tutti, belli e brutti. C’è bisogno di coraggio, quello che il Parma sembra aver perso per strada. C’è l’esigenza di tornare a giocare a calcio, ad attaccare, a “mordere” gli avversari, a infiammare una piazza in preda ad una crisi di nervi. C’è bisogno di una scintilla.

Rimanendo uniti ne verremo fuori come sempre – ha spiegato il presidente Pizzarotti a 12TvParma -. Ai tifosi chiedo di starci vicini, perché manca poco per l’obiettivo, un centimetro. Sono convinto che col loro aiuto ce la faremo, evitiamo le polemiche; rimpiamo il Tardini nel prossimo turno“.