Privacy | Cookie policy        
HOMESerie A 2019/20CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Iacoponi e Kucka rilanciano il Parma: 2-0 contro il Lecce
Iacoponi

Con due gol nella ripresa il Parma regola la pratica Lecce e riprende il cammino interrotto a Bergamo da un pesante 5-0. Vittoria di carattere e astuzia, ma non semplice, perchè nel primo tempo il Lecce ha avuto il pallino del gioco e ha tirato in porta più volte, dimostrando una certa spregiudicatezza. D’Aversa ha sorpreso tutti abbandonando il 4-3-3 per passare al 4-2-3-1 con il neo acquisto Kurtic a sinistra, Kucka centrale e Kulusevski a destra nel terzetto alle spalle di Inglese. Una scelta che richiede tempo, ma oggi è stata messa la prima pietra di quello che potrebbe essere il nuovo assetto tattico anche per il futuro.

Primo tempo – Lecce pericoloso sin dall’inizio. Prima Mancosu (tiro cross respinto da Sepe), poi 2 volte con soluzioni da fuori area di Falco, entrambe centrali, poi ancora Mancosu (destro alto) e infine con Deiola (destro a mezzo metro dal palo). Il Parma si fa sentire al 14‘ con un colpo di testa in tuffo di Kucka che fa venire i brividi a Gabriel; tutto qui. Il resto è confusione e incapacità da parte di entrambe le squadre di entrare in area di rigore e mettere gli attaccanti in condizione di vedere la porta.

Secondo tempo – Il canovaccio della ripresa sembra in linea con il primo tempo: il Lecce palleggia, verticalizza e si difende bene, il Parma parte da lontano e prova quasi sempre a sfondare per vie centrali. La squadra di D‘Aversa, però, entra in campo con un altro piglio, dimostra più cattiveria e sostanza, non a caso dopo 7 minuti Kucka impegna di sinistro Gabriel il quale si rifugia in angolo e 5 minuti dopo trova il gol sugli sviluppi di un angolo calciato da Hernani che pesca al centro dell‘area l‘inzuccata vincente di Iacoponi, al suo secondo gol in carriera in A, il primo al Tardini. Liverani è una furia e si gioca la carta Lapadula al posto di Mancosu. Una mossa che sposta gli equilibri ma non costringe il Parma a chiudersi nella propria metà campo, tant‘è che al 26‘ arriva il raddoppio: cross di Gagliolo dalla sinistra, testa di Grassi deviata sulla traversa da Gabriel e successiva fucilata di Kucka per il 2-0 che chiude i conti. Nel finale si rivede in campo anche Gervinho che sfiora il tris. Buone notizie in vista di una settimana piena: giovedì arriva la Roma (ottavi Coppa Italia) e domenica si va in casa della Juventus.

 

(Nella foto di Lorenzo Cattani l’esultanza di Iacoponi dopo il gol dell’1-0)