Privacy | Cookie policy        
HOMESerie BKT 2021/22CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2020/2021 2019/2020 2018/2019 2017/2018 2016/2017 2015/2016 2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Parma nessuna svolta: graziato dal Cosenza (1-1)

Fischi e contestazione: un Parma disarmante nella ripresa si tiene stretto il punto guadagnato nel match del “Tardini” contro il Cosenza.

I calabresi, che chiudono in svantaggio dopo i primi 45′ (il gol di Juric sarà di fatto anche l’unica trama offensiva della squadra di Maresca), sono bravissimi nella ripresa a mettere a ferro e fuoco la difesa dei ducali, creando una decina di palle gol. Solo un superlativo Buffon e l’imprecisione degli uomini di Zaffaroni graziano i crociati evitando una sconfitta (sarebbe stata la quinta) meritatissima. Questo Parma stecca ancora: dopo la disfatta di Lecce chi si sarebbe aspettato una squadra più battagliera e vogliosa di cambiare il volto a una classifica precaria è stato completamente deluso. Dopo l’1-0 la squadra ha smesso di giocare e, nella ripresa, addirittura non è stata mai in grado di mettere il naso oltre la propria metà campo. Di positivo c’è solo il risultato (1-1) e, forse, l’ennesima partita che può servire da lezione. Per il resto occorre farsi domande (tante) e darsi delle risposte (alla svelta). Così proprio non va.

DIFESA A 4. ANZI, A 3 Maresca esclude Osorio dall’undici di partenza, una scelta che fa inizialmente pensare a un ritorno allo schieramento difensivo a 4. E invece, dopo pochi istanti dal fischio d’inizio, si capisce che l’impostazione data dal tecnico è in continuità con quanto visto nelle ultime uscite: Del Prato è in marcatura su Gori, Danilo leader centrale e Cobbaut fa il centro-sinistra; Coulibaly a tutta fascia sullo stesso lato, con Mihaila dalla parte opposta a completare una linea di quattro centrocampisti, davanti al regista Brunetta, che prevede le mezz’ali Vazquez e Juric. Insieme a Tutino gioca Inglese.

LA ZAMPATA DI JURIC – A parte una fiammata di Caso (9′), che impegna Buffon con un tiro dalla distanza parato in tuffo dal numero uno crociato, è il Parma a fare la partita, che si sblocca dopo soli 12′. Bella trama di gioco dei ducali: Vazquez verticalizza sulla destra per Inglese che si stacca dalla marcatura e mette sul secondo palo un traversone rasoterra che viene raccolto da due passi da Juric. Impossibile da lì sbagliare il tap-in che vale l’1-0. Dopo l’assist confezionato, è proprio Inglese ad avere sui piedi (anzi, sulla testa) la palla del possibile raddoppio: al 28′ Vazquez smista sulla sinistra per la sovrapposizione di Cobbaut, il cui cross a centro area è un “cioccolatino” che il numero 45 che scarta malamente, con un’incornata di poco. Un minuto più tardi il Cosenza fa correre un brivido lungo la schiena di Buffon: sulla ripartenza di Gori il diagonale mancino di Vallocchia viene deviato in corner dallo stinco di Danilo. Pericolo scampato.

UN SECONDO TEMPO ORRIBILE – Trascorso un primo tempo soporifero, al rientro dagli spogliatoi i crociati si affacciano subito dalle parti di Vigorito, chiamato alla prima parata del pomeriggio dopo 120″ quando Del Prato con una staffilata dalla lunga distanza cerca il jolly della domenica. Da lì inizia il dominio dei calabresi che mettono sotto assedio la porta di Buffon, bravissimo a respingere il tiro ravvicinato e improvviso di Caso (7′); al 9′ Vallocchia con un destro a giro manda la sfera sopra la traversa, ma non di molto. E al 10′ Caso si divora l’impossibile, spedendo fuori con un colpo di testa da zero metri l’invitante traversone di Anderson che aveva mandato in crisi Cobbaut (a vuoto) e Del Prato (disattento in marcatura). Maresca corre subito ai ripari, inserendo dalla panchina Schiattarella e Benedyczak. Ma il Parma è in bambola ed è ancora il Cosenza a imbastire azioni offensive, come al 20′: il neoentrato Boultam semina il panico in area e scarica per Palmiero che calcia da fuori senza precisione.
Ci vuole un super Buffon al 25′ per mantenere involata la porta crociata sulla punizione bomba di Boultam e sulla successiva mischia furibonda. Ancora superlativo, sul tiro dal limite di Gori 60″ più tardi, il portierone del Parma che sventa in angolo con un tuffo felino. Ma dal successivo corner, battuto da Carraro, arriva il meritato gol del Cosenza: Tiritiello (27′) di testa svetta tra Del Prato e Vazquez e oltrepassa il “muro” Buffon. Prima di essere sostituito da Zaffaron, l’indemoniato Caso al 33′ arriva a calciare con facilità dopo un’iniziativa personale: rasoterra insidioso, sporcato in corner da Schiattarella. La partita è a senso unico, in campo c’è solo il Cosenza contro Buffon, prodigioso anche al 39′ sul tiro a giro mancino di Gori, deviato a mano aperta in angolo.
Anche al 4′ e ultimo minuto di recupero sono i calabresi a sforare i tre punti che sarebbero stati legittimi: Millico si beve Cobbaut e Gerbo da buona posizione spara in Curva Sud. Si chiude così la partita perché subito dopo l’arbitro Miele di Nola fischia tre volte sancendo la fine del match. Per fortuna. Altri fischi (molti di più), quelli dei tifosi in Curva Nord, copriranno la mesta uscita dal campo della squadra di Maresca.


PARMA – COSENZA 1-1
Reti: pt 12′ Juric (P); st 27′ Tiritiello (C)

PARMA (3-1-4-2): Buffon; Del Prato, Danilo, Cobbaut; Brunetta (12′ st Schattarella); Mihaila (35′ st Man), Vazquez, Juric,  Coulibaly; Tutino (26′ st Sohm), Inglese (12′ st Benedyczak).
A disposizione: Turk, Colombi, Balogh, D. Iacoponi, Osorio, Busi, Traore, Bonny. All. Maresca.
COSENZA (3-5-2): Vigorito; Tiritiello, Rigione, Venturi; Situm, Carraro, Palmiero (42′ st Gerbo), Vallocchia (18′ st Boultam), Anderson (18′ st Florenzi); Gori, Caso (35′ st Millico).
A disposizione: Saracco, Matosevic, Corsi, Sy, Minelli, Pandolfi, Pirrello, Kristoffersen. All. Zaffaroni.
ARBITRO: sig. Miele di Nola.
ASSISTENTI: sig. Carbone di Napoli e sig. Margani di Latina.
NOTE: stadio “Tardini” di Parma. Totale spettatori: 6.137 (di cui 1.2.72 ospiti). Nebbia fitta. Ammoniti: al 25′ pt Brunetta (P), al 6′ st Coulibaly (P), al 23′ st Vazquez (P), al 34′ st Palmiero (C), al 45′ st Carraro (C) per gioco falloso. Corner: 2-6 (1 -1). Recupero: 0′ pt, 4′ st.