Privacy | Cookie policy        
HOMESerie A 2019/20CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
D‘AVERSA: Col Lecce è scontro salvezza. Ho diversi dubbi
D’AVERSA:

La conferenza stampa di Roberto D’Aversa alla vigilia di Parma-Lecce. Il tecnico crociato ha parlato delle condizioni di Gervinho, che non partirà dall’inizio, del recupero di iacoponi, del dubbio Inglese-Cornelius e del possibile cambio di modulo. Ecco le sue parole dal Centro Sportivo di Collecchio:

GERVINHO: “Non partirà dall’inizio perchè con la squadra ha fatto solo due allenamenti e il percorso che ha fatto non mi permette di utilizzarlo dall‘inizio, pur considerandolo un giocatore molto importante: sarebbe controproducente sia per la sua salute ma anche a livello di prestazione, perchè non ha fatto un percorso per partire dall‘inizio; già averlo a disposizione un quarto d‘ora, venti minuti è un qualcosa di importante”.

INGLESE O CORNELIUS: “La situazione in avanti è un po‘ similare alla settimana corsa. C‘è Inglese che sotto l‘aspetto fisico ha lavorato di più rispetto a Cornelius e quindi è più pronto sotto quell‘aspetto; sotto quello medico va meglio, è chiaro che dipende molto dai fastidi e dai dolori che ha. Su Andreas sotto l‘aspetto medico non dovremmo rischiare niente, ma a livello di allenamenti è la prima settimana dopo l‘infortunio che si allena con la squadra, quindi la scelta la faremo domani anche in base alle condizioni di entrambi”.

KUCKA: “In avanti ha giocato e lo ha fatto in passato e anche bene; avendo un terminale centrale tra Inglese e Cornelius poi farò valutazioni anche in base alla gara che vogliamo andare a fare, molto probabilmente ci giocherà qualcun altro in quella posizione e Kucka ricoprirà un altro ruolo”.

IL LECCE: “In loro rivedo il percorso nostro, dove una società e un allenatore hanno lavorato molto bene facendo il doppio salto dalla Lega Pro alla Serie B e poi alla Serie A, e nel loro campionato di quest‘anno rivedo un po‘ il nostro Parma dell‘anno scorso. Vedendo la loro classifica e il loro percorso principalmente gli manca una vittoria in casa, ma noi dobbiamo pensare che domani non sarà semplice perchè i punti maggiormente li ha fatti fuori casa, quindi è una squadra che si esprime meglio fuori casa sfruttando magari le eventuali ripartenze che gli si possono concedere.
Il Lecce penso sia ben allenato, credo che Liverani sia un bravissimo allenatore lo ha dimostrato in passato ma anche quest‘anno, cerca sempre di giocare anche dal portiere, non disdegnano anche verticalizzazioni immediate. Detto questo è una squadra che cerca sempre di giocare, chiaro che pagano un po‘ lo scotto che abbiamo pagato anche noi lo scorso anno, quando vinci due campionati di seguito poi ci vuole un po‘ di tempo per colmare il gap con le squadre avversarie. Dobbiamo essere consapevoli che avremo di fronte una squadra organizzata”.

SCONTRO SALVEZZA: “Ai ragazzi l‘ho paragonata alla gara contro la Spal dell‘anno scorso, anche se un po‘ in anticipo rispetto al periodo di quella partita della scorsa stagione: dobbiamo andare in campo con l‘obiettivo di uno scontro salvezza. Il risultato poi può portare ad affrontare il resto del campionato in maniera diversa. Ci sono quelle 4-5 gare nell‘arco di un anno che possono indirizzare un‘intera stagione; lo dobbiamo fare perchè prima di tutto ci avvicineremmo di gran lunga al nostro obiettivo che è la salvezza, ma soprattutto per la sconfitta dalla quale arriviamo, una sconfitta pesante”.

RECUPERO IACOPONI: “Iacoponi si è allenato con la squadra oggi, va molto meglio, anche Bruno Alves si è aggregato alla squadra, quello che mi desta ancora qualche preoccupazione sono i giocatori che rientrano da un lungo infortunio come Grassi e Scozzarella, sono valutazioni che faremo all‘ultimo. Ci sono diversi acciacchi, quindi quello che dobbiamo fare domani è cercare di mettere in campo quelli che stanno bene”.

L’ULTIMA SCONFITTA: “n settimana credo si siano anche usate parole superflue, si è parlato di non umiltà, si tirano fuori tante cose dopo una sconfitta. Io come allenatore per primo dopo la partita ho fatto autocritica, chiaro che è una sconfitta brutta, pesante; credo anche che a una squadra come il Parma che 4 anni fa era in Serie D possa capitare di perdere contro la Lazio o contro l‘Atalanta; quello che non ha accettato nessuno e vi garantisco neanche i miei giocatori è una sconfitta così pesante, ci facciamo influenzare dal fatto che si chiami Atalanta, ma nel secondo tempo di ieri ha messo sotto una squadra prima in classifica”.

KURTIC: “Ho parlato con lui, oltre ad aver bisogno delle sue qualità tecniche ho bisogno di quelle di spessore e personalità, perchè credo che un giocatore come lui è arrivato a 31 anni dove secondo me poteva fare molto di più, quindi quello che mi auguro ragionando con lui è che lo porti io a cercare di fare la migliore stagione della sua carriera, perchè lui ha davvero delle potenzialità enormi come tanti altri giocatori che ho a disposizione. Quello che mi preme di più è di non considerare il fatto che è arrivato solo ieri, perchè domani quando siamo in campo non c‘è una dinastia o una precedenza tra chi è qui da qualche anno e chi è arrivato oggi, i giocatori di personalità lo devono dimostrare fin da subito e credo che lui sia uno di quelli”.

TRITTICO IMPORTANTE: “Ci sono 3 partite importantissime, sappiamo quanto ci tiene la piazza sia alla partita di Coppa Italia che a quella contro la Juventus, ma quello che dobbiamo fare è ragionare su un impegno per volta perchè la gara più importante è sicuramente quella di domani sera”.

CAMBIO TATTICO: “Bisogna ragionare sulla partita di domani, sulle caratteristiche, sull‘eventuale possibilità anche di fare qualche cambio tattico, cosa che in questi tre anni e mezzo difficilmente ho potuto fare, mi auguro che domani questo possa accadere”.