Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
COMMENTO: un Parma senza munizioni
COMMENTO:

Un passo avanti (Udinese) e tre indietro (Spal). Il Parma esce con le ossa rotte dal derby contro la Spal (1-0), prima trasferta della stagione. Punizione forse eccessiva, ma quando non tiri in porta neanche una volta è dura. Direi impossibile, in alternativa l‘unica strada percorribile è quella del pareggio. La sensazione è proprio questa: dopo un avvio pimpante, con Di Gaudio arrembante sulla sinistra (come contro l‘Udinese) e Inglese bravo negli inserimenti (anche palla al piede), il Parma si è limitato a chiudere gli spazi e contenere la Spal, che nel frattempo ha guadagnato metri, trovando in Lazzari l‘uomo giusto per scardinare prima la fascia destra, quella difesa da Gobbi, e poi l‘intera difesa. Non a caso il gol, oltre a un paio di altri pericoli, nella ripresa, sono nati dai suoi piedi.

Alves ha chiuso tardi sul gol di Antenucci, Gagliolo si è perso strada facendo, l‘unico che ha retto discretamente l‘impatto è stato Iacoponi; nota positiva della serata.
Problemi che non erano emersi in tutto il primo tempo e che, invece, si sono manifestati subito in apertura di secondo. Approccio sbagliato? Testa ancora negli spogliatoi? Spal più cattiva?
E‘ stato un regalo troppo invitante per un marpione come Antenucci. A quel punto D‘Aversa ha rimescolato le carte, l‘atteso esordio di Gervinho (20 minuti in campo), posizionato sulla sinistra, il modulo che passa dal 4-3-3 al 4-4-2 e, soprattutto, un atteggiamento più spregiudicato, meno timoroso. Qualcosa cambia, Da Cruz continua a galoppare su e giù (grande impegno), Gervinho sgomma ma non conclude in due circostanze, Ceravolo arriva tardi su un tiro cross di Inglese, ma nel complesso nessuna rivoluzione. Il gioco del Parma resta farraginoso, la squadra è disunita perché il centrocampo non fa filtro, è fuori giri, non riesce a trovare i tempi per fare un pressing efficace. Il terzetto di centrocampo è il reparto che oggi ha fatto peggio.

Non c‘è altro, Gomis non ha fatto una parata in 97 minuti (una papera sì, ma Di Gaudio non ne ha approfittato). Sconfitta per 1-0. La classifica dice un punto. Si poteva fare di più, è ovvio. La condizione fisica deve migliorare, l‘infermeria si deve svuotare (6 giocatori infortunati) e il gioco deve trovare un‘identità, forse più di una. E‘ tutto collegato, ma bisogna fare in fretta. Sabato la Juve, dai sogni alla realtà.

 

(Nella foto il gol vittoria di Antenucci in Spal-Parma)