Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
D‘AVERSA: «Il Milan ha qualità servono cattiveria e rabbia»
D’AVERSA:

La conferenza stampa di Roberto D’Aversa dalla sala stampa del Centro Sportivo alla vigilia di Parma-Milan. Partita che segna il ritorno di Gervinho e Cornelius, oltre ad Hernani che ha scontato il turno di squalifica.

CORNELIUS: “Cornelius ha fatto allenamento con la squadra sia ieri che oggi, è fra i convocati e sarà disponibile, chiaro che poi ragioneremo sull‘utilizzo se part-time o dall‘inizio; molto probabilmente partirà dalla panchina”.

IL MILAN: “Sicuramente è una partita non semplice, affrontiamo una squadra con qualità importanti, nelle ultime prestazioni analizzate soprattutto con Juventus e Napoli hanno fatto anche buone gare, sono in un momento di difficoltà per quanto riguarda i risultati ma hanno fatto delle ottime prestazioni. Al Milan sotto l‘aspetto della fase difensiva piace venire in avanti, difficilmente fa una fase d‘attesa; dobbiamo essere bravi a tenere la partita in equilibrio perchè loro sono molto bravi a venirti ad aggredire; poi è normale pensare che portare novanta minuti a quei livelli non è semplice. Si tratta di una gara simile a quella di Bologna per l‘aggressione alta”.

PIOLI: “Pioli inizia a dare i propri concetti e le proprie idee; ci sono giocatori che possono risolverti la gara con una giocata individuale, quindi dobbiamo essere molto bravi a lavorare di reparto, di squadra e stare attenti sulla vincita dei duelli”.

CATTIVERIA: “Noi dobbiamo andare in campo con la cattiveria e la determinazione giusta riportando quella rabbia e quella delusione che avevamo a fine gara a Bologna per un risultato positivo che ci siamo visti sfuggire negli ultimi 10 secondi e trasformarle in energie positive, per affrontare una partita non semplice, con delle assenze come siamo abituati in questo periodo”.

CRESCITA: “Credo che la squadra stia crescendo dall‘inizio del campionato e chiaramente anche rispetto agli anni passati, è normale che quando ci si consolida in una categoria questo miglioramento è più semplice da avere rispetto agli altri anni; Quando sono arrivato la squadra era in Lega Pro e ancora prima già in Serie D aveva vinto il campionato: quando si vincono campionati trovare una certa solidità è difficile perchè ci sono tanti cambiamenti, ci vuole del tempo. L‘importanza della salvezza dell‘anno scorso era per questo motivo, per migliorare alcuni aspetti che ci eravamo prefissi all‘inizio del campionato. Detto questo non dobbiamo pensare al passato, perchè la Serie A di oggi è molto difficile, non ti permette di vivere sugli allori”.

KUCKA PUNTA: “A Bologna la scelta di Kucka in quel ruolo è ricaduta perchè penso che sia un giocatore completo che possa fare quasi tutti i ruoli, in nazionale nella penultima gara in inferiorità numerica ha fatto il difensore centrale. Kucka dunque ha giocato nel ruolo di punta centrale perchè per le qualità del Bologna avevamo bisogno di un giocatore di struttura che ci desse la possibilità, laddove sapevamo che il Bologna era bravo a venirti ad aggredire in avanti”.

DUBBIO BRUGMAN-GRASSI: “a lavorato con continuità questa settimana, senza nessun tipo di problemi, è uno di quei dubbi che mi porto fino all‘ultimo ma solo per il percorso che lui ha avuto nell‘ultimo periodo. Pur essendo convocato Scozzarella, che non ha fatto nessun allenamento con noi però ho deciso comunque di convocarlo, la mia scelta sarà tra lui Brugman; credo che Gaston a Bologna sia entrato bene, è un dubbio che mi porto fino alla fine”.

SCOZZARELLA: “Spesso si ragiona sul mercato, sui nomi più altisonanti ed è normale che si parli più degli attaccanti, cioè di quelli che fanno a finalizzare le azioni. Simone è con me dalla Lega Pro, anche lui è cresciuto molto, può avere avuto difficoltà in questa categoria ma principalmente non per colpa sua ma mia perchè uno come lui in Serie A rende meglio da difensore centrale: a volte l‘ho messo io in difficoltà ma perchè ero obbligato”.

EX ROSSONERO: “Al Milan ho fatto il settore giovanile, per sei anni, gran parte della mia vita calcistica la devo a quegli anni, al dottor Galliani, a Braida, al presidente Berlusconi e ad allenatori importanti con i quali ho avuto la fortuna di allenarmi”.