Privacy | Cookie policy        
HOMESerie BKT 2021/22CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2020/2021 2019/2020 2018/2019 2017/2018 2016/2017 2015/2016 2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Maresca: Nella ripresa siamo spariti. La responsabilità è mia

Amareggiato e sconsolato, Enzo Maresca ha commentato il deludente 1-1 tra Parma e Cosenza (leggi qui).

Il tecnico si è assunto le responsabilità per aver caricato troppo la partita, ma continua ad essere convinto che la promozione in serie A sia ancora possibile. Ecco le risposte di Maresca alle domande dei giornalisti presenti nella sala stampa dello stadio Tardini, tra cui noi di Sportparma:

“Difficile da capire l‘andamento della gara oggi. Nella prima parte eravamo molto simili alla prima mezzora giocata contro il Vicenza, stavamo nella loro metà campo e persa palla la recuperavamo immediatamente. A fine primo tempo abbiamo provato a cambiare qualcosa che ci convinceva poco e nella ripresa siamo spariti. Non so se sia stato per la responsabilità data dall‘obbligo di vincerla, ci sentivamo con l‘obbligo di doverla vincere: venendo da una brutta sconfitta volevamo rifarci dando una soddisfazione a noi stessi e alla gente.
Il Cosenza ha avuto occasioni anche per vincerla. Abbiamo detto anche ieri che gli altri per diversi motivi sono più avanti di noi, c‘è qualcosa che non va, oggi la responsabilità è mia: ho provato a caricare la gara con l‘obbligo dei tre punti, perchè vincere sarebbe stato positivo per l‘ambiente riavvicinandoci anche lì dove pensavamo di arrivare.
Non è solo una questione legata a oggi, sono passate 13 gare, ovvero un terzo del campionato: se la classifica è questa, c‘è più di qualcosa che non va. Non credo sia un problema tattico, siamo partiti in un certo modo per trovare anche delle soluzioni in un momento delicato e abbiamo modificato poi qualcosa. Dal punto di vista mentale ci sono delle difficoltà per diversi motivi. Sui tifosi c‘è poco da dire, per 95 minuti hanno provato a darci una mano, poi ci sta che le reazione sia stata quella che è stata. Io l‘ho detto diverse volte: questa responsabilità di dover vincere un campionato, ribadisco anche oggi che può sembrare una pazzia, comunque me la assumo; poi c‘è a chi pesa di più dentro e a chi meno: per chi ha una storia alla spalle il peso è relativo, a chi non ce l‘ha gli pesa di più. Il morale negli spogliatoi era pessimo, i ragazzi avevano voglia di dare una soddisfazione a loro stessi e ai nostri tifosi, parliamo dell‘immediato ed è normale. Il ritiro? Non credo sia la soluzione”.


Dopo Maresca ha parlato Franco Vazquez: “Abbiamo fatto un buon primo tempo, nel secondo è successo qualcosa, abbiamo avuto la paura di vincere ma così è difficile giocare. Siamo tristi, dobbiamo pensare alla prossima. Loro erano in svantaggio e per forza dovevano salire mettendoci in difficoltà, sono stati più aggressivi, noi invece di creare la superiorità tiravamo su il pallone
senza vincere le seconde palle; credo sia stata questa la differenza.
Credo il problema sia mentale, abbiamo avuto la paura di vincere, devi cercare di fare il secondo gol per essere tranquillo. Ora andiamo a riposare e da domani pensiamo alla prossima gara.
Mi trovo bene sia dietro le punte che dove sto giocando ultimamente, a Siviglia ero in una posizione più simile a quella di adesso , mi sento bene in tutte e due le posizioni. Voglio fare quello che sto facendo, creare gioco ed occasioni, peccato perchè oggi era una partita importante da vincere. Dobbiamo pensare di andare a Como per vincere, senza pensare più in là. Non stiamo raccogliendo quel che volevamo, vincere a Como ci servirà per darci fiducia e lavorare tranquilli”.