Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
COMMENTO: Parma con le unghie e con i denti
COMMENTO:

Pesantissima. Una vittoria strappata con i denti e le unghie. Con la forza mentale tipica di chi ci crede sempre e comunque. Vedi Kucka (non ha esultato dopo il gol alla sua ex squadra).
Tre punti che interrompono la “maledizione” del Tardini (4 sconfitte nelle ultime 4) ma non chiudono definitivamente la pratica salvezza (domani Bologna-Cagliari), anche se suonano come un giro di chiave alla cassaforte. Il Genoa dell’ex Prandelli recrimina e si prende a martellate, perché pur correndo pochi rischi e giocando un calcio discreto, in avanti ha confermato tutte le difficoltà dell’ultimo periodo, cioè una preoccupante sterilità (0 gol nelle ultime 3 gare).
Il Parma ha vinto alla sua maniera: grande fase difensiva (Bruno Alves e Dimarco i migliori), centrocampo da battaglia e in avanti il gigante Inglese, uno capace di ripulire e proteggere qualunque pallone. D’aversa sbotta ogni qual volta sente parlare di calcio spettacolo (“In Italia solo il Napoli pratica un gran calcio”) e preferisce rivendicare i successi e la posizione in classifica. Come dargli torto. Eppure i mugugni che si annidano tra le tribune nobili hanno un fondamento, perché oggi si è vinto con un solo tiro nello specchio della porta. Non è un Parma champagne e macarons, tutt’al più lambrusco e salame. Genuino e saporito. E con una classifica dolcissima. Certo, l’estetica vuole la sua parte, ma al primo anno di serie A non si possono avere pretese così alte.

 

(Nella foto l’esultanza dei giocatori del Parma sotto la Curva Nord)