Privacy | Cookie policy        
HOMESerie BKT 2021/22CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2020/2021 2019/2020 2018/2019 2017/2018 2016/2017 2015/2016 2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Inglese la fine di un incubo lungo 406 giorni

Il digiuno è finito e il sole è tornato a splendere forte.

Roberto Inglese ha ritrovato il gol, rompendo una maledizione che lo perseguitava da troppo tempo. Un digiuno lungo addirittura 406 giorni, cioè 58 domeniche interminabili tra infortuni gravi (lesione miotendinea ai flessori della coscia destra) e problemi vari (personali) che lo hanno tenuto fuori dai giochi.

Il Parma lo ha sempre aspettato: società, tifosi e stampa. E lui ha sentito l’affetto di una piazza, pur nell’impossibilità di ricambiare e dopo un’altra estate di chiacchiere e voci sul fronte calciomercato. Una montagna di pazienza, un’attesa lunga e snervante, fino a quel sorriso stampato sul volto del giocatore, l’esultanza con la lingua di fuori e la corsa di tutti i compagni ad abbracciarlo, dopo il quarto gol rifilato al Pordenone. Una gioia immensa, una liberazione, per se stesso e per tutto il pianeta Parma.

Maresca lo ha sempre detto: “Roberto ha bisogno di ritrovare le sensazioni giuste”. Ha bisogno di sentirsi di nuovo un giocatore importante, uno che in campo e, soprattutto in serie B, può fare la differenza. Eccolo, 406 giorni dopo. Dal quarto gol contro il Lecce in serie A del 2 agosto 2020 al quarto gol contro il Pordenone di ieri sera.
Ora la speranza è che il ragazzo non si fermi più e che al di là del gol abbia ritrovato la giusta condizione mentale per ritornare ad essere un giocatore fondamentale. Un ritorno alla “normalità”, al passato. Avanti così Bobby!

 

 

L'articolo Inglese, la fine di un incubo lungo 406 giorni proviene da SportParma.