Privacy | Cookie policy        
HOMESerie BKT 2021/22CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2020/2021 2019/2020 2018/2019 2017/2018 2016/2017 2015/2016 2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Dal Parma al Milan le 400 panchine in A del parmigiano Pioli

Una stelletta da appendere al petto, con orgoglio e soddisfazione. Il parmigiano Stefano Pioli ha festeggiato oggi (Venezia-Milan 0-3) le 400 panchine in serie A. Un traguardo che lo fa entrare di diritto nel club speciale dei tecnici più longevi, al pari di Allegri e Gasperini, ma ancora lontano dai “mostri sacri” Mazzone (792), Rocco (787) e Trapattoni (689).

Quella di Pioli è una storia farcita di passione, serietà, conoscenza e lealtà. Valori che il 56enne parmigiano ha costruito nel corso di 40 anni di carriera, prima da calciatore e poi da allenatore.
È una soddisfazione aver raggiunto questo traguardo con questo club – ha detto Pioli ai microfoni di DAZN -. La prima la ricordo ancora, un Torino-Parma nel 2006, tanti anni fa“. Da quel giorno sono passati quasi 16 anni: l’esordio sulla panchina crociata è datata 10 settembre: stadio Olimpico, finì 1-1, al gol di Budan replicò Stellone al minuto 90′. Il Parma giocò una bella partita, sbarazzina, palla a terra, verticalizzazioni, pressing e tanta corsa.

Un’ottima impressione (personalmente), considerando tutte le difficoltà di quel periodo, perché quello era il Parma dell’era Bondi, dell’amministrazione straordinaria, dei pochi soldi e dell’imminente arrivo di Tommaso Ghirardi.
Un parmigiano sulla panchina crociata, un romanticismo che purtroppo durò poco, tant’è che l’attuale allenatore del Milan fu il primo esonerato dell’era Ghirardi; al suo posto arrivò Ranieri e poi G.Rossi, due dettagli di non poco conto ai fine dell’agognata salvezza.

Le 22 giornate alla guida del Parma, a cavallo tra il 2006 e il 2007 (fu esonerato a febbraio 2007), fruttarono 15 punti, in pratica 3 vittorie, 6 pareggi e 13 sconfitte. Un rendimento che portò alla separazione, una ferita ormai dimenticata, frutto di una grande lavoro che ha portato Pioli in giro per l’Italia, su panchine prestigiose come Lazio, Fiorentina, Inter e Milan. Una carriera che parla da sola e che un giorno, chissà, potrebbe riportarlo nella sua amata Parma, dove tutto ebbe inizio. Un sogno nel cassetto.