Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
D‘AVERSA: La forza di un gruppo unito. CERAVOLO: Pensiamo solo alla salvezza
D’AVERSA:

GENOVA – Il post partita di Genoa-Parma dalla sala stampa dello stadio Ferraris di Genova dove il Parma ha vinto 3-1. Ecco le parole di D’Aversa, Ballardini, Ceravolo (nella foto) e Rigoni.

D’AVERSA: “I ragazzi hanno dimostrato che la forza del gruppo è un punto di partenza che sopperisce le assenze, ma oggi preferisco parlare di chi ha giocato e ha dimostrato di meritare la categoria come Ceravolo o Siligardi. Un plauso ai ragazzi che nelle difficoltà hanno dimostrato di essere un gruppo.
Questa squadra in casa le aveva vinte tutte, ha dei valori. Siamo stati pazienti a cercare di recuperare la gara restando in equilibrio, poi siamo passati in vantaggio e se guardo la gara nel complesso il successo è anche meritato, abbiamo fatto meglio nel primo tempo sotto il profilo del gioco. La partita di oggi ha dimostrato che chi lavora con sacrificio viene premiato, penso a Ceravolo.
L‘obiettivo è la salvezza, l‘errore più grande è alzare l‘asticella in questo momento. Dobbiamo fare più punti possibili indipendentemente dall‘avversario per centrare l‘obiettivo. Se guardo le gare giocate finora abbiamo un po‘ più da recriminare che essere felici per il risultato, non dobbiamo sentirci appagati.
Stulac un giocatore molto tecnico ma a differenza di giocatori tecnici che soffrono sulla resistenza ad oggi è il settimo tra quelli che corrono di più durante tutta la gara tra tutte le squadre, chiaro che deve migliorare”.

CERAVOLO: “Sto bene, sono stato sostituito per i crampi. La nostra forza è stata non abbatterci dopo lo svantaggio iniziale. Non era semplice, qui a Marassi contro questo pubblico. Sono felicissimo per essermi sbloccato. Ho sfruttato una chance importante. Segnare in Serie A a Marassi e vincere ha un sapore molto particolare. Ancora non ci credo. Forse solo fra poco me ne renderò conto che oggi abbiamo fatto una grande impresa.
ggi dopo il nostro terzo gol abbiamo pensato a mantenere il risultato, a difenderci bene e a ripartire. Adesso ci riposeremo qualche giorno, ricarichiamo le batterie, per poi esser di nuovo pronti a battagliare. Chiaramente continuiamo a guardare la zona salvezza. Ci saranno periodi meno felici, adesso pensiamo a fare più punti possibili. Andiamo avanti per la nostra strada, godiamoci il momento.
Non ho sentito le critiche nei miei confronti. Mi tappo le orecchie e lavoro in allenamento, sul campo. Sono rimasto a Parma, perché la società crede in me. Quando mi capita l‘occasione di giocare, come oggi, la devo sfruttare al massimo. Dedico il gol alla mia famiglia, che mi sta sempre vicino. Loro sono la mia forza. A fine stagione tireremo le somme e vedremo se sono adatto a questa categoria”.

RIGONI: “Ho deciso di non esultare dopo il gol perché questi tifosi mi hanno sempre amato, è stato un gol importante in una giornata particolare dopo tre anni vissuti qui. Dobbiamo fare i complimenti ai ragazzi, ci mancavano Gervinho e Inglese ma chi ha giocato oggi ha dimostrato di meritare la fiducia del mister.
Non siamo solo una squadra operaia, ci sono anche qualità, vedi Stulac e Barillà. Ci riposeremo un po‘ nella sosta, poi ripenseremo al campionato, il nostro è l‘atteggiamento giusto, abbiamo tanti punti ma non bisogna pensare alle belle gare fatte: in A è un attimo perdere. Penso di essermi ambientato abbastanza bene e sono contento delle gare giocate finora”.

BALLARDINI: “Dopo il palo di Piatek sull’1-1 c’era la sensazione di una gara che sarebbe stata molto tosta, se non siamo umili e concentrati per tutta la partita rischiamo di soffrire. Dispiace per la sconfitta ma ho visto una squadra che ha dimostrato lo spirito giusto, cercando di mettere in difficoltà il Parma fino alla fine. Loro hanno qualità importanti, possono contare su giocatori molto veloci davanti. Dopo sette partite abbiamo dodici punti e abbiamo segnato molto, subendo però tanti gol. Non dobbiamo dimenticare che giochiamo con tre attaccanti, può capitare di non avere il giusto equilibrio”.