Privacy | Cookie policy        
HOMESerie A 2019/20CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Furia Parma mancano due rigori. D‘Aversa: Errori clamorosi
Furia

Al triplice fischio finale è scoppiata tutta la rabbia del Parma per due rigori non concessi e non sottoposti neppure al giudizio del Var. Uno nel primo tempo su Bruno Alves e un altro, forse il più clamoroso, in pieno recupero su Cornelius, dopo un contatto con Acerbi. L’arbitro Di Bello, alla sua centesima direzione in A, ha deciso in autonomia, convinto di aver fatto la cosa giusta. Niente rigore e niente Var. Incomprensibile. E invece le riprese tv lo smentiscono e generano più di un sospetto sulla buona o mala fede del direttore di gara. Le scene finali fotografano la rabbia gialloblù: il presidente Pizzarotti fermato a fatica dal vice Ferrari, D’Aversa che ha qualcosa da dire a Inzaghi, le due panchine che si accusano, i fischi assordanti del Tardini che fanno da contraltare alla festa dei 4mila laziali nel settore ospiti.

Durissimo il commento di Roberto D’Aversa: “C’erano i penalty su Cornelius e Bruno Alves. E’ inutile che l’arbitro faccia il simpatico nell’intervallo, lo faccia in campo. Da tutte le immagini si vede che è rigore netto quello su Cornelius; e poi ce n’è un altro su bruno Alves. I miei giocatori sono i più corretti del campionato, non lo dico io, lo dicono i dati ufficiali, ma si corre il rischio di passare per stupidi, e a me questa cosa non va. A fine partita la cosa che ho tenuto a fare è portare via i giocatori, non sono andato dall’arbitro per non compromettere le partite successive. C’è la tecnologia e va usata. Se l’arbitro non è andato a rivedere l’episodio alla Var è perché altrimenti avrebbe dovuto dare il rigore. Se va a vedere e poi c’è un errore, lo si accetta. Non devo commentare io l‘operato dell‘arbitro, ma non voglio sentire che su alcune situazioni possano esserci dei dubbi a favore o contro, perchè quello che è successo stasera è lampante. Ma ripeto, il mio dispiacere è per i ragazzi perchè credo che per la prestazione fatta non meritavano di uscire con una sconfitta, premesso che abbiamo affrontato una squadra fortissima, non voglio sminuire la vittoria della Lazio, ci mancherebbe, però se mi chiedete sugli episodi dubbi non ce ne sono. Un errore umano ci può stare, ma non capisco perchè non sono andati a rivederlo: l‘errore è clamoroso“.

E sulla partita: “Devo dire che i ragazzi sono stati bravi perchè spesso poi si rischia di perdere la testa, di eccedere in proteste, invece hanno continuato nonostante si fosse nervosi per episodi palesemente errati a fare gioco. Chiaro che la Lazio in settimana aveva speso molto con il turno infrasettimanale, il nostro intento era quello di tenere la partita in equilibrio per poi avere la meglio sotto l‘aspetto fisico, perchè è una costante che finiamo in crescendo. Il rammarico è per le tante occasioni da gol create e il fatto che si portano via zero punti, ci tenevamo a fare un risultato importante ma credo che questa sera non sia dipeso solo da noi“.

Pesante anche il commento di Alessandro Lucarelli, club manager gialloblù: “Ho visto le immagini ma non c‘era bisogno di rivederle, le avevo già viste ed erano chiare dalla tribuna a 40 metri dal campo. C‘erano due rigori per me: uno su Bruno Alves, uno su Cornelius. In tutte e due le situazioni non è stato richiamato l‘arbitro dal V.A.R., il quale interviene sulle situazioni chiare e non in quelle dubbie: e queste non erano chiare ma chiarissime, eppure non è stato richiamato. Siamo dispiaciuti perché non è stato usato correttamente il regolamento prima e la tecnologia dopo. Non possiamo che essere arrabbiati per quello che abbiamo subito questa sera. Dispiace perché, pur giocando contro una grande squadra, non meritavamo di tornare a casa senza neanche un punto. Abbiamo cercato di avere spiegazioni dall‘arbitro dopo la partita ma non c‘è stata possibilità. Io penso che più delle parole parlino le immagini: questa sera possiamo dire di avere subito due torti, non uno. I ragazzi erano arrabbiati, hanno fatto una grande partita al di là degli episodi“.