Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
IL GEDE: Parma è mancata la convinzione di vincere
IL

Il lunedì su Sportparma è il giorno de Il Gede risponde. Analisi e commenti sulla 14a giornata di serie A con la firma inconfondibile dell‘ex allenatore del Parma Pietro Gedeone Carmignani.

La sconfitta di San Siro contro il Milan ha il sapore di una grande occasione persa per il Parma?
Non è stato un brutto Parma, perché per lunghi tratti ha imbrigliato il gioco del Milan. Forse il Parma non è stato troppo convinto, dopo il pari rossonero ha lasciato troppi spazi. Serviva più attenzione difensiva, poi è venuta meno nel contropiede, dove sicuramente ha influito la giornata opaca di Gervinho e Biabiany. Non si è riusciti ad amministrare un vantaggio quando tutto sembrava a favore del Parma; tra l‘altro il Milan ha avuto pochi giorni per recuperare e fisicamente aveva qualcosa in meno rispetto ai crociati.

La possiamo chiamare paura di perdere?
E‘ mancata la determinazione e la ferocia per mantenere il vantaggio. Bisogna anche dire che ho visto un Milan pratico e grintoso. Gattuso è a corto di difensori, ma è riuscito nell‘esperimento di Abate centrale. E‘ stato bravo anche tatticamente perché ha saputo ridisegnare la squadra con Borini e ha cambiato sistema di gioco. Il Parma ha avuto le sue occasioni, anche grosse. E‘ vero che il Milan ha studiato bene il gioco del Parma, ma la partita è stata in bilico fino alla fine.

Come giudica il tocco di mano di Bastoni, visto solo dal Var, che è costato la sconfitta?
Il rigore c‘era, la Var ha sbagliato a Roma, errore clamoroso. Il calcio si fa male da solo: la Roma doveva avere il diritto di chiedere l‘intervento della Var. Certo, il fallo di Bastoni non era volontario. E‘ stato un gesto istintivo, non pensava che Cutrone non sarebbe arrivato sulla palla. Episodio sfortunato. Comunque, il braccio non era molto staccato dal corpo, ma su questo argomento si discute da anni ad ogni livello…

Cutrone è già pronto per la Nazionale?
Cutrone ha forza fisica, istinto, fiuto del gol. Quando si completerà tecnicamente, sarà ancora più forte. Mancini deve chiamarlo in Nazionale, assolutamente. A proposito di Nazionale: i sorteggi sono andati bene, anche se bisogna sempre giocare ogni singola partita prima di esultare. Ma si potevano beccare avversari peggiori. L‘Italia deve puntare sui giovani, con decisione e coraggio. Cutrone, Barella e Zaniolo sono giocatori pronti. Facciamoci delle domande: in giro ci sono altri giovani così, pronti per il grande salto? Le società hanno rose ampie e internazionali, anche se gli allenatori italiani sono persone intelligenti, quando trovano un giovane che vale lo buttano dentro. Ma obiettivamente si fa fatica a vedere un giovane della Primavera in una rosa di 23-24 giocatori. Dobbiamo cambiare mentalità.

Domenica al Tardini arriva il Chievo dell‘ex Di Carlo, un avversario rigenerato dal nuovo tecnico. E‘ d‘accordo?
Il Chievo finalmente è tornato a giocare con la filosofia di gioco che ha sempre avuto. Notevole prestazione contro la Lazio, carattere, intensità e pressing. Pellissier è il simbolo della squadra, ieri ha dato tutto e poi vede sempre la porta. Il punto del Chievo fa morale, il Parma dovrà stare attento, il Chievo si è ritrovato, indipendentemente dalla situazione di classifica che resta molto difficile.

Passiamo al resto della serie A: la Juve, insieme a Manchester City e PSG, è veramente la squadra più forte e completa d‘Europa? La vittoria contro la Fiorentina è stata l‘ennesima prova di forza.
Per la Fiorentina questa era la madre di tutte le partite, invece per la Juve una delle tante. Inizialmente è stata messa in difficoltà dalla rapidità della Viola, poi la Juve ha preso il controllo della partita e non c‘è stato più niente da fare. Gol fantastico di Bentancur. Squadra ricca di tutto, forza fisica, qualità e tecnica. La differenza tra la Juve e le altre italiane è notevole. In Europa qualcosa cambia ma è sicuramente una squadra da vertice

Roma-Inter non è stata solo la partita del mancato rigore…
Bellissima partita, al di là dell‘episodio del rigore. Due squadre che interpretano un calcio diverso, la Roma più squadra e geometria, con palla a terra; l‘Inter è squadra concreta, allenata a sfruttare le giocate individuali, anche se in questa stagione manca Perisic, che forse sta già pensando all‘Inghilterra. Gara spettacolare, partita mai noiosa. Risultato sempre in bilico, entrambe le squadre arrivavano facilmente alla conclusione; si giocava tanto e pensava poco.

Risorge la Sampdoria e affonda il Bologna…
La Sampdoria ha sfruttato al meglio gli errori difensivi del Bologna. Caprari prestazione ottima, bravo Giampaolo a rilanciarlo. Male e confuso il Bologna, con troppi blackout difensivi, frutto di scarsa concentrazione. La Samp ritrova serenità dopo una settimana scossa da alcune vicende giudiziarie, Inzaghi invece vede sprofondare la sua squadra. La sua posizione torna in bilico.

Infine la lotta salvezza: i cambi di allenatore hanno rigenerato Empoli e Udinese. E‘ d‘accordo?
Spal-Empoli è stat un‘altra bella partita, giocata con grande determinazione, a ritmi elevati. Empoli più completo e continuo, mentre la Spal si è accesa a sprazzi. Ha avuto il grande merito di crederci sempre, ha pareggiato in 10. Il Sassuolo sembra non saper più vincere, anche il gioco è sceso di qualità. Partita piatta, priva di spunti tecnico-tattico. Punti importante solo per l‘Udinese, ma il primo tiro in porta è arrivato a 10 minuti dalla fine. Infine il Frosinone: ha fatto la sua partita, ha giocato con intensità, ha sbattuto contro un super Cragno, decisivo in 3-4 occasioni. Il Frosinone resta in zona retrocessione, la situazione non cambia, malgrado ora la squadra giochi meglio.