Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Da Genova a Napoli stadi in vendita. E a Parma?
Da

Il futuro del calcio non può prescindere dagli stadi di proprietà. Lo hanno capito un po’ in tutta Europa, compresa l’Italia, anche se il fenomeno è lento e ancorato a varie problematiche, tra cui la mancanza di strategie imprenditoriali a lunga scadenza, con le società spesso sopraffatte dalle esigenze di classifica, dagli stipendi dei calciatori e dal calciomercato. Problemi che consigliano i presidenti dei club a rimanere fermi, immobili, in attesa che dal cielo arrivi qualche miracolo. Attesa che fino ad oggi non ha portato a nulla, se non debiti nella maggior parte dei casi.

Davanti a questa situazione la politica e il calcio italiano provano ad invertire la rotta. Stadi in vendita, dai Comuni (nella maggior parte dei casi proprietari degli impianti) alle società di calcio. Niente più canoni fittizi e litigi per i necessari costi di ristrutturazione.
E così a Genova l’amministrazione comunale ha messo in vendita lo storico stadio Marassi: cifra di partenza 16 milioni e 578mila euro. Troppi, tant’è che Samp e Genoa, intenzionate ad acquistarlo entrambe, non si presenteranno alla prima asta e apsetteranno le successive e i relativi ribassi.

A Napoli il sindaco De Magistris ha avviato la discussione per la cessione del San Paolo: la richiesta è intorno ai 50 milioni, ma alcune perizie parlano di un valore intorno ai 25 milioni di euro, cioè la metà. Siamo ancora in una fase embrionale, ancora nessun bando ufficiale, ma le intenzioni sono quelle di trovare una soluzione entro la fine dell’anno.
Altrove si è deciso di costruire nuovi stadi, in zone di periferia, per controllare al meglio il traffico veicolare e i rischi per la cittadinanza. In Italia sono ancora poche le società con uno stadio di proprietà: Juventus, Udinese, Sassuolo, Atalanta e Frosinone.

A Parma la situazione è simile a quella di tante altre città, ma con l’aggravante che lo stadio si trova a due passi dal centro storico, con inevitabili disagi per i residenti e alla circolazione stradale: il Tardini è di proprietà del Comune che lo concede in affitto, tramite il pagamento di un canone annuale, alla società proprietaria del Parma Calcio. In sostanza, è un contratto di affitto. Ma per la recente ristrutturazione dell’impianto, per adeguarlo alle rigide regole della serie A, i costi sono stati sostenuti dall’attuale proprietà del club, con un contributo di appena 150mila euro da parte del Comune, a fronte di una spesa complessiva che si aggira intorno ad 1 milione di euro.

Il problema del Tardini viene sempre rimandato, ma è chiaro che prima o poi bisognerà prendere una decisione: venderlo e ristrutturarlo, oppure abbatterlo e costruirne uno nuovo? Il dilemma divide la tifoseria e non solo, ma negli ultimi mesi l’argomento è tornato d’attualità. Comune e Parma Calcio 1913 ne hanno parlato più volte, tant’è che le parti hanno deciso di aggiornarsi nei prossimi mesi, per capire le reciproche e reali intenzioni. La certezza è che il modello attuale (affitto) non può reggere a lungo. Il Parma deve avere uno stadio di proprietà, lo impone il mercato, ma la strada è ancora molto lunga, anche perché le frizioni e i contrasti non mancano.