Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
COMMENTO: Parma naufragio totale
COMMENTO:

Un naufragio totale, come un pugile chiuso nell‘angolino per tutta la durata dell‘incontro, travolto da una vagonata di cazzotti, fino a cadere al tappeto e non rialzarsi più. Finisce 4-1 il derby del Dall‘Ara. Un‘umiliazione senza attenuanti (infortuni a parte), maturata al termine di 90 minuti in cui il Parma ha sbagliato tutto quello che c‘era da sbagliare: approccio, marcature, contropiede, gestione del pallone, calci piazzati, pressing e nervosismo. Troppo nervosismo, vedi l‘ingiustificabile gesto di Bruno Alves che ha portato all‘espulsione. Un gesto figlio della frustrazione, d‘accordo, ma che non può essere tollerato, soprattutto se compiuto da un capitano. E il bello è che pochi minuti prima aveva rischiato grosso anche Gervinho, per proteste. Gesti inqualificabili che fotografano il momento no di un Parma che, oltre a non mostrare segnali di crescita sotto il profilo del gioco e delle idee, in tutto il girone di ritorno ha vinto solo due volte (contro Udinese e Genoa), l‘ultima il 9 marzo scorso, cioè oltre 2 mesi fa.

Una discesa vertiginosa verso l‘inferno, con l‘Empoli terz‘ultimo a sole 3 lunghezze. Un margine che allontana il panico e la paura, almeno per il momento, anche perché negli ultimi 180 minuti della stagione i toscani dovranno affrontare Torino in casa e Inter fuori. Difficoltà che non sono inferiori a quelle del Parma che, invece, dovrà vedersela contro Fiorentina (casa) e Roma (fuori). L‘unica differenza sono i 3 punti di distacco, il tesoretto che i gialloblù hanno costruito quasi esclusivamente nel girone d‘andata.
Poi il disastro, appunto, fino al 4-1 di stasera. Bologna assatanato e agguerrito, Parma impotente e senza anima. Perché si può perdere, anche 4-1, ma non in questo modo, tirando in porta una sola volta contro le 11 dell‘avversario. Sconcertante. Ma non doveva essere una partita da vincere?

A fine partita gli 800 tifosi crociati nel settore ospiti hanno contestato la squadra per l‘indecorosa prova. Inevitabile, anche se ora è il momento di ricompattare tutto l‘ambiente e spingere il Parma verso un‘agognata salvezza, in tutti i modi, purché questa squadra ritrovi il gusto di giocare a calcio, osare, combattere e crederci, perché vincere senza tirare in porta è un‘impresa ai limiti dell‘impossibile. E in questo senso il ritorno di Inglese è una piccola rassicurazione.