Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
D‘AVERSA: E‘ uno scontro diretto dobbiamo vincere a tutti i costi
D’AVERSA:

Riprendere il cammino verso la salvezza e dimenticare in fretta la scoppola di Napoli (3-0). Roberto D’Aversa guarda avanti, alla partita di domani alle 18 contro l’Empoli, una sfida salvezza da non sbagliare. Purtroppo dall’infermeria continuano ad arrivare brutte notizie, perché dopo il forfait di Inglese oggi nella rifinitura si è fermato anche Sierralta. Di contro il tecnico potrà contare Gervinho che a Napoli è rimasto in panchina.
Ecco il punto della situazione di Roberto D’Aversa nella consueta conferenza stampa pre partita dal Centro Sportivo di Collecchio:

INFORTUNATI: “A fine allenamento oggi abbiamo avuto un problema con Sierralta che non è convocato, come Inglese perché dopo Napoli non ha recuperato dalla botta presa in partita. Rientra invece Biabiany”.

CERAVOLO: “E’ sempre stato abituato a giocare dall‘inizio, non è semplice per lui interpretare questo nuovo ruolo ma sta crescendo, con il Cagliari ha fatto abbastanza bene e ha avuto un‘occasione, confido molto in lui perché pur non avendo giocato molto in serie A può fare bene, se uno è abituato a segnare può farlo sempre, chiaro che in una categoria superiore c‘è più difficoltà, più fisicità”

UMORE: “Dobbiamo essere bravi ad accantonare l‘ultima gara, ma deve succedere per principio anche dopo una vittoria come successo dopo Inter e Cagliari. Si devono chiaramente analizzare gli errori della sconfitta, quel che mi spiace è che nell‘ultima non si è fatto di tutto per rendergliela difficile. Dobbiamo domani scendere in campo con le nostre certezze”.

SCONTRO DIRETTO: “Sarà una partita aperta ad ogni risultato, difficile, dovremo rispettare l‘avversario perché gioca molto bene a calcio e affrontarlo con la stessa umiltà delle ultime gare, dovremo fare risultato a tutti i costi con il massimo equilibrio perchè è uno scontro diretto. Domani dobbiamo scendere in campo con l‘umiltà di chi deve salvarsi, loro sono bravi nel possesso e gestione della palla e vengono da un pareggio con il Milan”.

EMPOLI: “Sta portando avanti un percorso da circa cinque anni, a parte il periodo con Vivarini, un percorso fatto di precisi principi di gioco, lo ha dimostrato l‘anno scorso meritando la vittoria del campionato e lo sta dimostrando anche in Serie A dove è nelle prime 10 per possesso palla. Dobbiamo essere bravi a restare compatti, giocare contro il 4-3-1-2 dell’Empoli ti porta ad allungare la squadra”.

IL DUELLO DELLO SCORSO ANNO: “Nella prima abbiamo sbagliato un rigore e meritavamo il pareggio, nel ritorno è stata invece la partita più brutta da quando sono qui, ma quella sconfitta ci ha dato un segnale positivo di rinascita e da lì siamo ripartiti centrando qualcosa di straordinario: si pensa sia normale vincere tre campionati di fila ma dietro c‘è un lungo lavoro da parte della società, dello staff tecnico e dei giocatori. E gran merito va ai ragazzi che sono i maggiori interpreti e hanno fatto una crescita esponenziale nel tempo. Merito va dato anche ai ragazzi di quest‘anno: abbiamo affrontato tre big e ci troviamo in una buona posizione di classifica”.

CICIRETTI: “Non giocava da molto, ho messo in preventivo che avrebbe avuto delle difficoltà, ma ha giocato per circa 60 minuti senza accusare problemi ed era la cosa più importante, Deiola ha fatto una buona partita, ma contro il Napoli la problematica è stata più di squadra che del singolo”.