Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
D‘AVERSA: Siamo in emergenza ma serve equilibrio e intelligenza
D’AVERSA:

L’emergenza infortuni, l’Inter dell’amico Conte, il ballottaggio Sprocati-Karamoh e il turno infrasettimanale con il Verona. Questo e altro nella conferenza del primo pomeriggio di Roberto D’Aversa al Centro Sportivo, alla vigilia di Inter-Parma (ore 18).

LA MENTALITA’: “Giocheremo in uno stadio importante contro una squadra forte allenata da uno dei migliori allenatori d‘Europa, da parte nostra ci deve essere la convinzione e la volontà di cercare di andare a fare risultato”.

EQUILIBRIO: “Tutti sanno quel che è successo in settimana, nonostante le difficoltà numeriche e le emergenze in alcuni ruoli dobbiamo cercare di andare a fare una gara con equilibrio, intelligenza e con la massima volontà di cercare di fare risultato, indipendentemente dalle assenze”.

GLI INFORTUNATI: “Grassi a considerarlo tra gli infortunati commetteremmo un errore, ha un problema che ci portiamo avanti fin dall‘inizio del ritiro. Inglese per sfortuna si è fatto male in uno scontro di gioco ma per fortuna non è più grave di quel che pensavamo.
Alves e Cornelius hanno avuto un problema sui flessori; bisogna poi analizzare ogni singola situazione perchè Bruno veniva da un problema al tallone che si portava avanti e molto probabilmente è dovuto al fatto che caricava male, mentre Cornelius è dovuto al fatto che dopo 6 mesi di inattività ha giocato un periodo con continuità anche più di quello che poteva e aveva subito una botta in nazionale di cui solo dopo l‘infortunio ci siamo accorti perchè i dottori gli hanno tolto un‘ematoma vicino a dove si era fatto male. Sono situazioni diverse.
Comunque undici giocatori da mandare in campo ci sono e tre cambi anche”.

L’INTER: “molto brava a sfruttare le ampiezze e a cercare le verticalizzazioni sulle due punte che giocano vicine e collaborano tra loro; non è una gara semplice tatticamente, cercheremo di limitare i loro pregi, bisogna considerare le qualità dei loro giocatori che sono molto importanti e sull‘organizzazione abbiamo di fronte uno dei migliori allenatori al mondo. Sappiamo le difficoltà e abbiamo lavorato sulle contromisure in settimana, mi auguro di riportarle in campo”.

LA FORMAZIONE: “Avendo solo 5 difensori si può immaginare lo schieramento iniziale della difesa, in base a quello poi tre giocatori in avanti giocheranno, domani sapremo con quali caratteristiche; non avendo un centravanti di punta è pensabile una situazione di trequarti o con la punta centrale con caratteristiche diverse. Kulusevski ha giocato in quel ruolo sia in Primavera che in Nazionale, sotto punta penso vada a sfruttare le sue caratteristiche, penso che quel ruolo possa farlo benissimo. Poi si bisogna ragionare sugli altri con caratteristiche come Gervinho, Sprocati e Karamoh: devo dire sia Karamoh che Sprocati per quello che stanno facendo vedere in queste ultime settimane meriterebbero di giocare”.

OCCASIONE KARAMOH: “Karamoh si sta allenando bene in queste settimane, è una gara dove sotto l‘aspetto emotivo se giocasse dall‘inizio potrebbe fare qualcosa di importante, essendo un ex l‘aspetto mentale conta molto. Bisogna essere bravi tutti ad essere dentro la partita per 95 minuti, loro difficilmente concedono, dobbiamo essere bravi a fare entrambe le fasi al di là di chi gioca”.

MARTEDI’ IL VERONA: “Cerchiamo di affrontare ogni singolo impegno con la voglia di ottimizzarlo, in questo momento non posso neanche stare a ragionare sul turnover per pensare poi a martedì che magari può essere più alla nostra portata, oggi partiamo in 16-17 e ho poca gente disposizione per fare cambi, domani cerchiamo di mettere la migliore formazione possibile per cercare di fare risultato perchè nel calcio non c‘è niente di impossibile; a volte si è pensato a impegni meno semplici o più semplici e poi si è dimostrato in contrario, quindi successivamente penseremo alla gara di martedì”.

ADORANTE CON LA PRIMAVERA: “Adorante va a giocare con la Primavera, non è ancora in condizione, Camara ha avuto un problema stanotte. Poi le scelte non si fanno in base al settore giovanile, nell‘Inter Esposito è entrato in Champions nell‘ultima mezzora al posto di Lukaku, è stato valutato come già pronto per giocare in Champions e in campionato. Se c‘è un giocatore che dimostra di poter far parte di questo gruppo, lo si prende in considerazione: ad oggi ragionando sulla nostra Primavera chi ci può stare in prospettiva è Camara”.