Privacy | Cookie policy        
HOMESerie A 2019/20CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
D‘AVERSA: Vittoria di carattere ma sono stufo che si parli sempre di contropiede
D’AVERSA:

Il commento dei due tecnici Roberto D’Aversa e Walter Mazzarri, al termine di Parma-Torino (3-2).

D’AVERSA: “Vittoria che dimostra l‘attaccamento dei ragazzi alla maglia . Abbiamo sofferto ma la prestazione c‘è stata e il risultato è meritato. Anche oggi hanno dimostrato che bisogna crederci fino alla fine. Non era facile reagire dopo il rigore sbagliato, perché spesso queste partite finiscono male.
Quando siamo rimasti in superiorità numerica non è stato semplice, perché il Toro ha concesso poco e abbiamo rischiato su alcune ripartenze. La squadra ha interpretato la partita al meglio, anche in parità numerica. Qualche errore lo abbiamo commesso, però sugli errori si può lavorare. L‘atteggiamento è l‘aspetto che mi soddisfa di più. Sento sempre parlare di Parma e contropiede, è una cosa che comincia a darmi fastidio, l‘importante è arrivare in porta e al gol. Questo è quello che conta. Come ci arrivi conta fino a un certo punto. Dobbiamo essere equilibrati nei giudizi.
Conrlius ha fatto un‘ottima prestazione, si è fatto trovare pronto. Ho una rosa di giocatori con molti potenziali titolari, la mprova di Cornelius è la dimostrazione.
L‘obiettivo finale non cambia, malgrado abbiamo due punti in più rispetto all’anno scorso; dobbiamo pensare di partita in partita. Non ho mai avuto segnali negativi da questi ragazzi. Lo scorso anno di ci siamo salvati alla penultima giornata, quest‘anno dobbiamo essere bravi ad avere continuità e crescere”

MAZZARRI: “Devo elogiare i giocatori, siamo stati dei polli nei gol subiti. S’è fatto di tutto per farli far gol. Sirigu ha fatto delle buone parate, poi a partita finita eravamo stremati e siamo stati beffati.
L’espulsione? Oggi non parlo degli arbitri, valutate voi.
Si sapeva che i primi minuti in casa il Parma avrebbe provato ad aggredirti e a parte quella partenza poi quando abbiamo iniziato a giocare per bene ho visto le stesse cose e lo stesso atteggiamento del parma dello scorso anno. Quando eravamo undici contro undici avevamo la supremazia, probabilmente doveva andare così. Nel secondo tempo siamo stati più bassi e le forze sono calate”.