Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
D‘AVERSA a 360°: ritiro mercato salvezza modulo Gervinho e Balotelli
D’AVERSA

Prima conferenza della nuova stagione (2019-20) per Roberto D’Aversa al Centro Sportivo di Collecchio. Le parole del tecnico hanno anticipato di pochi minuti la partenza del Parma per il ritiro di Prato allo Stelvio dove la squadra resterà fino al 21 luglio (amichevoli comprese).

RINNOVO DEL CONTRATTO: “Prima ancora di andare in vacanza ci siamo trovati con la società per un accordo sulla base di tre anni, per continuare un percorso che mi auguro possa darci altre soddisfazioni come quelle passate, la firma di oggi è stata una formalità visto l‘accordo raggiunto prima delle ferie”.

OBIETTIVO SALVEZZA: “Le difficoltà le conosciamo tutti, ma al di là dell‘aspetto contrattuale quello che mi premeva di più era l‘aspetto che riguarda il migliorarsi, visto che rispetto all‘anno scorso le difficoltà saranno maggiori. Da questo punto di vista la società mi ha dato ampie garanzie, per raggiungere l‘obiettivo che anche quest‘anno sarà uno solo: la salvezza. Quel che è più difficile sarà ripetersi, dobbiamo esserne consapevoli”.

GRASSI, SEPE E LAURINI: “Mi fa piacere riavere in attesa dell‘ufficialità due giocatori come Sepe e Grassi, per poter dare quindi continuità al lavoro. Alberto arriva da un infortunio, conosciamo la sua importanza fino a quando è stato in campo, la sua assenza si è sentita; diventando della famiglia possono entrambi dare ancora qualcosa in più anche a livello morale e non solo tecnico. Sono anche contento per Laurini, lo seguivamo da tempo”.

LE VOCI SU GERVINHO? “Credo sia una giocatore importante e lo ha dimostrato, ha fatto un campionato importante e la squadra lo ha messo in condizione di esprimersi così; è stato merito suo e per come si è messo a disposizione da subito. Chiaro che quando un giocatore fa un campionato con tanti gol e assist è normale che altre squadre si interessino; spero che resti qui e dia il suo contributo come lo scorso anno”.

IL RITIRO DI GOBBI: “Lo devo ringraziare, pur non avendo giocato con continuità è stato un uomo e un giocatore molto importante per raggiungere il nostro obiettivo. Quando si decide di smettere il distacco non è semplice, per il suo spessore non avrà difficoltà a togliersi altre soddisfazioni. Lo abbraccio forte, quando vorrà venire a trovarci sarà sempre il benvenuto”.

IL MERCATO E BALOTELLI: “Sono stati citati giocatori importanti (Balotelli ndr.), le dinamiche cambiano di giorno in giorno, fare nomi non ha senso. Un allenatore vorrebbe la squadra da subito a disposizione per lavorare, ma conosciamo le dinamiche del mercato. Intanto partiamo con i ritorni e i nuovi arrivi, poi sistemeremo tutto il resto. Sulla costruzione della squadra ragioniamo per avere due giocatori per ogni ruolo, aumentando la rosa per aumentare allo stesso tempo la competitività: questo porta dei vantaggi sia nel lavoro settimanale che nel giorno di gara”.

IL MODULO 4-3-3: “La squadra si rivede nel 4-3-3. Non conta tanto il modulo, quanto il modo in cui lo si interpreta”.