Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
D‘Aversa: Soddisfatto ma rammaricato. Barillà: Il rigore ci ha tagliato le gambe
D’Aversa:

Il commento dei due allenatori, D’Aversa e Velazquez, del ds Faggiano e dell’autore del secondo gol Barillà, nel post partita di Parma-Udinese (2-2).

D’AVERSA: “La possibilità di un calo fisico l‘avevamo messa in preventivo, abbiamo avuto degli innesti nel finale di mercato come Inglese e Grassi che non hanno ancora una condizione fisica ottimale.
C‘è rammarico per aver riaperto la gara su un episodio che ha portato al rigore e per aver subito una ripartenza su fallo laterale, ma siamo soddisfatti e contenti per la prestazione, nell‘arco dei 90 minuti meritavamo di più al netto delle nostre difficoltà legate alla condizione fisica, ho chiesto ai ragazzi il massimo impegno nel cercare di portare a casa il risultato.
Inglese è un giocatore forte, ha chiesto lui il cambio. La maggior parte del gioco passa per le caratteristiche di un centravanti, lui fa reparto da solo, ad esempio regala la possibilità agli esterni di venire a lavorare dentro. Ci tenevo stasera a vedere la volontà di portare casa il risultato, sicuramente non abbiamo sfigurato, questo ci deve far ben sperare per il futuro.
Questa sera abbiamo pagato l‘episodio del VAR: fino a quel momento avevamo noi in mano la partita. In Serie A la qualità è altissima, c‘è moltissima differenza con la B: ora dobbiamo trovare continuità

FAGGIANO: “Il rigore ci ha tagliato un po‘ le gambe, ma penso che ci fosse, anche se l‘azione è andata avanti per qualche minuto. La squadra ha comunque giocato, è normale calare alla lunga distanza perché ragazzi come Grassi, Inglese ancora non sono al massimo della forma. Sapevamo che il mercato fino all‘ultimo poteva riservarci delle sorprese, non potevamo prendere calciatori subito all‘inizio come fatto lo scorso anno. Ora c‘è da soffrire ma partiamo dal presupposto che la squadra gioca e cerca di fare punti e gol.
Mercato? Abbiamo fatto il massimo di ciò che potevamo fare. Noi siamo il Parma, neopromosso. L‘Udinese ha acquistato l‘ultimo giorno di mercato Pussetto per 9 milioni di euro, calciatore seguito anche da me dal primo giorno di mercato. Penso che la differenza sia sostanziale, in più loro fanno la Serie A da 15 anni ed hanno in rosa calciatori di un certo livello con una struttura fisica importante. Stanno lavorando, hanno un allenatore che ha un‘idea totalmente diversa dal calcio italiano ed è un bene per loro perché hanno cercato di dare un segnale forte. Io non mi accontento però sono soddisfatto, perché so che dobbiamo soffrire fino all‘ultima partita”.

BARILLA’: “La serata era partita bene. Poi, purtroppo, il rigore contro ci ha tagliato un po‘ le gambe. Nel finale di gara eravamo stanchi, perchè avevamo spinto tanto fino al 75′. Siamo contenti, però, della nostra prestazione e ci teniamo stretti questo punto. Guardiamo avanti. In Serie A il margine di errore é minimo. Dobbiamo essere concentrati, soprattutto nel non concedere le ripartenze agli avversari. Dobbiamo stare attenti a non commettere questi piccoli errori. Il nostro è un gruppo di ragazzi che si mette a disposizione l‘uno con l‘altro, dandoci una mano reciproca in campo, aiutando ogni compagno nei raddoppi. Le giocate, poi, vengono da sole, quando i giocatori sono forti e di qualità. Il gioco del pallone è l‘ultimo aspetto. L‘importante è, prima di tutto, sacrificarsi per i compagni.
Il mio gol è stato un momento bellissimo, che sinceramente aspettavo. Non dico che lo avevo sognato, ma ci tenevo tanto”.

VELAZQUEZ: “Il pareggio è molto importante perché giocavamo in un ambiente caldo, che ritrovava la Serie A dopo tanti anni. Per loro la prima era speciale, per noi anche. Il pareggio in rimonta mi ha fatto davvero piacere. Anche dopo il 2-2 il nostro pensiero è stato quello di fare il terzo gol. Abbiamo chiuso la partita vicini all‘area avversaria. Va bene così”.