Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Parma vento cinese e mercato turco
Parma,

Un viaggio intercontinentale di 10mila chilometri, da Pechino (Lihang) a Parma, con scalo a Trebisonda (Trabzonspor). E’ il potere del calcio che muove soldini e soldoni da una parte all’altra del mondo, come al gioco del Monopoli. Ma in questo caso si tratta di denaro vero, come i quasi 4 milioni di euro che Jiang Lizhang ha versato nella casse del Parma, sottoscrivendo l’indispensabile aumento di capitale voluto da Nuovo Inizio (la proprietà parmigiana), evitando così il rischio di perdere la quota azionaria del 30%. Una mossa necessaria, quella dell’imprenditore cinese, per rimanere nella partita e cercare una soluzione con quelli che fino a pochi mesi fa erano i suoi soci di minoranza. Che sia un tentativo di riconciliazione o l’inizio della battaglia finale, lo capiremo solo nelle prossime settimane o mesi. Nel frattempo è probabile che il Cda del Parma subisca una nuova trasformazione con il reingresso di Lizhang, ma senza dimenticare che presso la camera arbitrale di Milano è aperto un contenzioso che potrebbe ridisegnare nuovamente gli scenari futuri.¬†Work in Progress.

Intanto c’è il calciomercato e una salvezza da sigillare, dopo un girone d’andata eccezionale, sopra ogni più rosea previsione. Il budget a disposizione del ds Daniele Faggiano non è noto, ma è facile intuire che sia risicato, come la maggior parte delle squadre di serie A in questo periodo, tant’è che, tranne in rarissimi casi, l’unico vocabolo utilizzato dagli operatori italiani di mercato è il “prestito”.
Comunque, dieci giorni di mercato sono volati via, tanta carne al fuoco e tanti tavoli aperti, ma al momento la cesella degli acquisti del Parma resta vuota. Un solo movimento in uscita, il prestito di Da Cruz allo Spezia. Tutto il resto arriverà nei prossimi giorni, incastri permettendo: le partenze di Baraye e Calaiò sono certe, quelle di Ceravolo, Ciciretti e Deiola probabili.

Faggiano non ha appeso al collo il cartello degli sconti, ma le offerte arrivate fino ad oggi non sono soddisfacenti, anche a causa degli ingaggi onerosi che percepiscono i giocatori gialloblù. Insomma, bisogna cedere qualcuno, abbassare il monte ingaggi e poi comprare.
In realtà un acquisto ci sarebbe già, ma è congelato da questioni burocratiche e dall’ostruzionismo del Trabzonspor (Turchia) che sta ostacolando l’arrivo di Kucka in maglia crociata. Tra il Parma e l’ex centrocampista del Milan c’è l’accordo su tutto, ma per ora l’affare resta bloccato, anche se dall’entourage del giocatore continua a filtrare ottimismo, tant’è che la prossima settimana il giocatore è atteso in Italia per le visite mediche. E poi c’è tutto il resto, una voragine di nomi e indiscrezioni, vere e false: Falcinelli, Caceres, Spinazzola, Barak, Lapadula, Rispoli, Rog, Stepinski, Laurini, Sala, Kastanos, Plizzari, Bizzarri, ecc.. E’ il bello e il brutto del mercato.