Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
FAGGIANO: Mi tengo stretto il pareggio. D‘AVERSA: La squadra merita solo elogi
FAGGIANO:

Il commento post Sassuolo-Parma (0-0) è affidato alle parole del ds Daniele Faggiano, di mister Roberto D’Aversa e Luisi Sepe (migliore in campo). Ecco le loro parole dalla sala stampa del Mapei Stadium di Reggio Emilia:

FAGGIANO: “È un punto che muove la classifica. Era importante. Facciamo un po‘ fatica a vincere, però questo pareggio ce lo teniamo stretto. Il rigore sbagliato nel primo tempo ci ha bloccato un po‘ le gambe. Siamo in una situazione in cui, per gli infortuni, dobbiamo giocare con una formazione rimaneggiata. Penso, però, che tutti i giocatori a disposizion stiano dando una mano. Prendo a esempio la prova di sacrificio di Kucka.
Onestamente mi aspettavo un finale di campionato così da parte delle nostre avversarie. La Spal, per esempio, non era quella del girone d‘andata. Il Bologna, che già aveva un‘ottima squadra, a gennaio ha fato un bel mercato. Noi eravamo pronti a lottare sino alla fine, come stiamo facendo”.

D’AVERSA: “Questo è un punto importante per la classifica e per il morale. Il Sassuolo ha fatto meglio di noi sul piano della trama di gioco, ma abbiamo sbagliato un rigore che ci fa recriminare, se consideriamo i due cambi forzati i ragazzi hanno interpretato bene la gara nel migliore dei modi, soffrendo, hanno dato tutto. Durante la settimana si è lavorato per dare continuità rispetto alla gara con il Torino anche per quanto riguarda il sistema di gioco, ovvero il 3-5-2, poi però abbiamo perso Sierralta e ho preferito adattare Kucka al nostro solito sistema di gioco, avendo anche un solo difensore centrale a disposizione come Bastoni difficilmente avremmo potuto dare continuità.
Non so quante squadre giochino con 7/11 di quelli che sono saliti dalla serie B alla serie A, questo dimostra che a volte si dà tutto per scontato ma quello che stanno facendo questi ragazzi va messo in evidenza, non è semplice, siamo una neopromossa.
La pecca è sul rigore sbagliato ma anche dopo Ceravolo ha fatto una grande gara, non era semplice mentalmente. Abbiamo creato alcune occasioni così come hanno fatto loro e sulle quali è stato bravo Sepe. Tutta la squadra merita elogi, ci stiamo ricompattando nelle difficoltà, non subiamo gol da due gare, continuiamo a lavorare per il nostro obiettivo. I rigori li sbaglia chi ha personalità di andare dal dischetto, chi non sbaglia è chi non si presenta; Consigli inoltre sui rigori è tra i migliori”.

SEPE: “Il risultato forse poteva essere diverso ma siamo contentissimi. Non guardo i gol subiti, guardo i punti e le prestazioni della squadra. Preferisco prendere cinque gol in una partita e fare qualche 0-0 in più.
E‘ un punto importantissimo per la nostra classifica, siamo contenti. Per la salvezza ci mancano 4-5 punti.
Sono stato bravo perché ho commesso un errore dopo due minuti e sono stato graziato perché era fuorigioco, vuol dire però che c‘ero mentalmente perché un errore dopo due minuti poteva condizionare tutta la gara. Invece sono stato lì, concentrato e ho continuato il resto della partita. Non so quale sia stata la parata più difficile, nemmeno me le ricordo.
Ora pensiamo al Milan: speriamo di vincere, pure immeritatamente. Dobbiamo badare al sodo, fare un tiro in porta se è il caso e vincere la partita”.

DE ZERBI: “Abbiamo sbagliato troppo in fase offensiva. Sepe è stato strepitoso, è questo il miglior riassunto di questa partita. Sono comunque molto soddisfatto della prestazione messa in campo dai miei calciatori. Questa gara era difficile, complessa e rischiosa, preferivamo vincere oggi come contro la Lazio ma si vede che quest’anno dobbiamo andare a prendere la salvezza ancora con più forza e con qualche turno di ritardo”.