Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
LA PARTITA: Parma irriconoscibile e senza gioco Petagna lo punisce
LA

Sconfitta netta e meritata, più di quanto dica il risultato finale (1-0). Come nella scorsa stagione, la trasferta in casa della Spal è indigesta ad un brutto Parma, inspiegabilmente trasformato in negativo rispetto alle ultime due vittoria. Inspiegabile. Una squadra irriconoscibile, senza quella fame invocata da D’Aversa alla vigilia. Senza convinzione. Senza gioco. La prima e unica parata di Berisha è arrivata all’82’ su un colpo di testa di Cornelius. La Spal ha vinto la gara prima tatticamente, con un 3-5-2 che gli ha consentito di comandare il centrocampo (sempre in superiorità numerica) e poi nel numero di occasioni, 14 a 4, escluso un gol annullato a Gervinho per un precedente fuorigioco.

Primo tempo praticamente a senso unico, con il Parma inerme, che si è affidato ad un giro palla lento e prevedibile che ha consentito alla Spal di schierarsi e difendere a pieno organico. L’unico volta che i gialloblù si sono affacciati dalle parti di Berisha lo hanno fatto al 18′ con una punizione di Hernani alta sopra la traversa. Tutto il resto è di marca Spal, con Strefezza che da solo si è bevuto tutta la difesa del Parma, tant’è che nei primi 10 minuti il brasiliano è andato al tiro 4 volte. E al 31′ ha fornito l’assist (un tiro-cross) per il gol di Floccari, sull’ennesima dormita della difesa, Gagliolo in primis. E al 42′ è stato Sepe a tenere aperta la gara con una parata strepitosa su una bomba da fuori di Missiroli.

La ripresa si apre con l’ingresso di Scozzarella per Kulusevski, con Kucka che va a destra (nel tridente). Ma è sempre la Spal a spingere per provare a chiudere la gara: Sepe dice no due volte a Floccari (uno dei migliori in campo) e Strefezza. Poi il brasiliano, che ha fatto ammattire i gialloblù, simula un fallo da rigore e si fa ammonire per la seconda volta e lascia in 10 la sua squadra. D’Aversa getta nella mischia Inglese, è la mossa della disperazione, ma malgrado la superiorità numerica il risultato rimane sempre lo stesso e premia la Spal alla sua seconda vittoria stagionale. Per gli oltre 700 tifosi crociati giunti al Mazza è un sabato amaro.