Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
COMMENTO: la traversa il tabù Tardini e la ripresa.... Ma il Parma esce a testa alta
COMMENTO:

Uscire dal campo tra gli applausi dei propri tifosi è sempre una soddisfazione, anche quando perdi. Vuol dire che hai dato tutto quello che avevi in corpo e non puoi rimproverarti (quasi) nulla. Eppure, al triplice fischio finale, le recriminazioni e il rammarico per la sconfitta contro l‘Inter (0-1), che ritrova il sorriso dopo un digiuno di un mese (5 partite), sono bocconi amari per il Parma. La strategia iniziale di D‘Aversa questa volta non ha pagato: il pressing alto e asfissiante del primo tempo, ma anche l‘autorità e l‘intraprendenza offensiva, hanno richiesto un grande sforzo e, di conseguenza, un enorme consumo di energie. L‘idea del tecnico gialloblù era quella di sorprendere i nerazzurri, cercare subito il gol del vantaggio, poi arroccarsi in difesa e creare le condizioni più congeniale alla squadra per ripartire in contropiede.

E se non fosse stato per la traversa colpita da un inesauribile Gervinho, forse il disegno tattico di D‘Aversa si sarebbe avverato in tutta la sua completezza; anche perché l‘ipotetico gol del vantaggio avrebbe potuto creare deflagrazioni pesanti in casa Inter, una squadra che veniva da una settimana di polemiche e tormenti. Purtroppo non è andata così: nel secondo tempo l‘Inter, una squadra forte fisicamente, si è impadronita del campo, ha cominciato a macinare gioco e occasioni, arrivando al tiro con più disinvoltura e convinzione. Parallelamente il Parma non ha più avuto la forza di pressare alto, di aggredire il portatore di palla avversario e imporre il proprio gioco. Il centrocampo è andato fuori giri, incapace di fare da filtro alla difesa e concedendo diversi buchi alle incursioni dei vari Nainggolan, Perisic e L.Martinez, non a caso l‘autore del gol partita. Un calo fisico che ha fatto saltare tutto, con i gialloblù che non sono stati più capaci di ripartire, verticalizzare e innescare la velocità di Gervinho. Neanche l‘ingresso di Biabiany ha risolto il problema, anzi paradossalmente ha contribuito ad abbassare ulteriormente il baricentro. Insomma, un Parma in riserva, spesso in ritardo sulle secondo palle e con Inglese lasciato solo e sbranato nella morsa di due rocce come De Vrij e Skriniar.

E‘ una sconfitta indolore, che sia chiaro, perché malgrado tutto il Parma è rimasto sempre in partita e nel primo tempo meritava di più. Il percorso stagionale al Tardini, però, comincia ad essere un problema serio: tre sconfitte consecutive, una sola vittoria nelle ultime 8 partite casalinghe e solo 4 giocatori in gol, Inglese e Gervinho (4 gol entrambi), Bruno Alves (2) e Barillà (1).