Privacy | Cookie policy        
HOMESerie A 2019/20CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
D‘AVERSA: A Napoli con personalità concedendo il meno possibile
D’AVERSA:

Le parole di Roberto D’Aversa alla vigilia di Napoli-Parma (domani ore 18). Il tecnico ha parlato degli assenti, dell’avversario, del ritorno di Gattuso in panchina e delle difficoltà della gara in un ostadio che richiede una prova di grande eprsonalità.

GLI INFORTUNATI: “Kucka e Scozzarella non fanno parte dei convocati, quindi rimangono qui. Per il resto, a parte Inglese e Karamoh, sono tutti disponibili”.

ASSENZA DEI TIFOSI: ” Il dispiacere è di non avere i nostri tifosi al seguito, poichè si parla tanto di avvicinare le famiglie e la gente allo stadio e poi si prendono delle decisioni che fanno tutto il contrario, ovvero allontanano la tifoseria. Per me, per noi, è un dispiacere non vedere i nostri tifosi al seguito; ma penso sia una decisione maturata e penso sia giusta, ripeto, per i tanti sacrifici che fanno, in quel settore specialmente, anche per le strutture che noi proponiamo”.

IL NAPOLI: “Credo che il sistema di gioco loro sarà il 4-3-3, ma sulle situazioni da campo abbiamo comunque lavorato ragionando più su di noi che sulle caratteristiche della squadra avversaria, che non conosciamo. Io credo che Insigne partirà dall‘inizio comunque, come Milik, se ci può essere un dubbio è a destra ma lo deciderà il loro allenatore; io ho già le mie difficoltà di scelte, perchè ci sono dei giocatori che stanno bene e quindi questa settimana ho anche qualche dubbio in più”.

LA PRIMA DI GATTUSO: “Sinceramente non ho mandato nessun sms a Gattuso perchè lo vedo domani e glielo farò di persona, anche perchè c‘è dispiacere per il fatto che è stato mandato via Ancelotti che, per un allenatore giovane ed emergente come me, può essere un esempio; avendoli conosciuti entrambi nella parentesi Milan, sono dispiaciuto per Ancelotti e chiaramente un in bocca al lupo glielo farò di persona domani a Gattuso sperando che possa iniziare un percorso positivo dopo la nostra gara”.

LA CONVALESCENZA DI INGLESE: “Lo staff sanitario sta lavorando per fare sì che possa essere disponibile per l‘ultima partita prima delle vacanze con il Brescia, in casa; ci auguriamo di recuperare il maggior numero di giocatori, come Kucka e Scozzarella; per Karamoh i tempi sono più lunghi”.

L’ATTEGGIAMENTO TATTICO: “Sicuramente non possiamo affrontare la partita ragionando sul fatto di essere a pari livello di una squadra come il Napoli, che all‘inizio del campionato è stato costruito per lottare e ambire a vincere lo scudetto. Chiaro che hanno avuto qualche difficoltà a livello di risultati e parlo per il campionato, poichè in Champions hanno passato il turno, quindi quello che dobbiamo fare noi è ragionare sul fatto che abbiamo di fronte una squadra che ha avuto delle difficoltà di risultati in campionato, ma che comunque è una squadra forte, con delle caratteristiche e qualità importanti. Dobbiamo concedere il meno possibile, perchè hanno dei giocatori che ti possono determinare in qualsiasi momento la partita, ma allo stesso tempo dobbiamo esserre vogliosi di andare a metterli in difficoltà”.

GARA DI PERSONALITA’: “Se partiamo con il pensiero di portare via un punto molto probabilmente porteremmo nulla a casa, noi dobbiamo andare in campo per cercare di fare il massimo, poi quale sarà il risultato finale dipende dall‘interpretazione della gara. Voglio che la squadra vada a Napoli a fare una gara di personalità, perchè per uscire con un risultato positivo a Napoli bisogna andare a giocare con personalità”.