Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Un gol di rapina di Hernandez all‘86‘ condanna il Parma. Match report
Un

Un gol di rapina di Hernandez a 4 minuti dalla fine, complice un errato e sfortunato rinvio di Darmian, decide una partita che il Milan vince senza convincere e punisce oltremisura un Parma volenteroso e ben messo in campo, soprattutto in fase difensiva, tantè che Sepe è stato chiamato in causa raramente (Donnarumma quasi mai), malgrado i quasi 30 tiri in porta da parte dei rossonero. D’Aversa e Pioli si sono sfidati col 4-3-3 ma non filosofie differenti. Ai rossoneri il possesso palla, ai gialloblù le ripartenze. Alla fine in casa Parma c’è amarezza e delusione perchè questa è la seconda delusione nei minuti finali dopo il 2-2 nel derby di Bologna.

PRIMO TEMPO – Il primo tempo è stato poco spettacolare: tanti contrasti e due squadre incapaci di superare le linee difensive, in nessun modo, nè palla a terra nè con le palle alte. Il primo pericolo lo costruisce il Milan al 2′ con un destro al volo di Chalanoglu che termina fuori di poco. Poi la gara si addormenta per una 20 di minuti, fino a
quando un diagonale di Kessie impegna Sepe (angolo). Al 33′ uscita decisiva di Donnarumma su Hernani che era stato ben innescato da Kulusevski. Un minuto dopo, sul capovolgimento di fronte, altro diagonale di Chalanoglu e altra grande risposta si Sepe. Al 37′ si vede Bonaventura con un destro in scivolata che finisce sui cartelloni pubblicitari. Il Parma è sempre in partita, in agguato e in pieno recupero, al 47′, è Kucka ad aver la palla del vantaggio ma il suo diagonale non inquadra lo specchio della porta. Si va negli spogliatoi sullo 0-0.

SECONDO TEMPO – La ripresa inizia senza cambi ma con un Milan che sembra avere un approccio più cattivo e offensivo, soprattutto sulla corsia destra dove Conti spinge con costanza, eppure il primo tiro in porta arriva all’11 con una botta da fuori di Chalanoglu centrale che Sepe non ha problemi a neutralizzare. Al 15′ Suso salta Iacoponi e calcia in porta rasoterra, fuori di un niente. La partita si addormenta di nuovo fino al 20′ quando Gervinho ci prova da 20 metri ma spedisce in curva nord. Al 37 risposta rossonera: Chalanoglu, dribbling e contro dribbling in area, poi sinistro smorzato che Sepe blocca semza problemi.
Due minuti dopo ci prova Suso con una sventola forte ma centrale. E’ l’anticamera del gol: sventola da fuori area di Bonaventura, Sepe respinge come può, la palla finisce a Darmian che rinvia male e favorisce Hernandez che con la punta del piede manda nell’angolino e regala 3 punti generosi al Milan.

 

IL MATCH REPORT DI PARMA-MILAN 0-1 (clicca qui)