Privacy | Cookie policy        
HOMESerie A 2020/21CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2019/2020 2018/2019 2017/2018 2016/2017 2015/2016 2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Giocatori di serie A e cittadini di serie B le differenze al tempo del coronavirus
Giocatori

Cittadini di serie A e cittadini di serie B (e C). Il trattamento sanitario italiano è differente, secondo i casi, secondo lo stipendio e la fama. C’è chi i tamponi li fa a casa, come ricevere un pacco di Amazon, e chi invece deve aspettare settimane e non ricevere neanche una risposta. O chi addirittura il tampone non lo ha mai fatto, come migliaia di medici e infermieri impegnati in prima linea negli ospedali di Parma e in tutta Italia. Il resto delle considerazioni le lascio a voi lettori, qui mi limito a riportare due storie.

CASO 1 – Michela Persico (29 anni), fidanzata di Rugani, il primo giocatore di serie A positivo al coronavirus, ha rilasciato una lunga intervista ai colleghi di TPI (leggi qui) in cui racconta la sua vicenda, come ha contratto il virus e come lo ha gestito. Anche lei è risultata positiva al Covid-19. E’ in isolamento nella propria abitazione a Torino, mentre Rugani si trova alla Continassa, sempre in isolamento.
“Daniele ha fatto il tampone domenica 8 marzo e il risultato è arrivato il 9 – ha raccontato la Persico -. Io l‘ho fatto il 16, una settimana fa. A quel punto, quando ho saputo di Daniele, che non vedo da lunedì 9, anche io non mi sentivo granché bene. Così hanno fatto il tampone anche a me. Sono venuti a farmelo a casa, il personale sanitario pubblico a cui si appoggia la società. Non mi hanno dato farmaci, se mi sale la febbre devo prendere la tachipirina. Ora attendiamo i prossimi tamponi: se saranno negativi, almeno altri due dobbiamo farne, io e Daniele potremo tornare a stare nella stessa casa”.

CASO 2 – M.N. è un ragazzo di 20 anni della provincia di Parma. Nei giorni scorsi ha avuto la febbre a 40 ma per fare un tampone presso un’ospedale della provincia di Reggio Emilia ha impiegato più di una settimana. Ad oggi, cioè 14 giorni dopo il tampone, non ha ancora ricevuto i risultati; in compenso, dopo essersi sottoposto ai raggi x, ha scoperto di avere un inizio di polmonite. Insomma, tutti i sintomi fanno pensare al Covid-19. Il ragazzo è in quarantena a casa, i famigliari pure, ma a differenza della moglie di Rugani non sono stati sottoposti ad alcun tampone (malgrado le insistenti richieste), né presso la propria abitazione né presso una struttura ospedaliera.