Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Il debutto di D‘Aversa in A: Sono incuriosito ma penso solo a portare a casa il risultato
Il

Lo sguardo di Roberto D’Aversa è rassicurante, malgrado le numerose incognite che aleggiano sul Parma alla vigilia dell’esordio in serie A di domani sera contro l’Udinese. Gli assenti, le condizioni non ottimali di alcuni giocatori, gli ultimi arrivati (Gervinho, Sprocati e Deiola) che devono ancora integrarsi… sono problemi con cui il tecnico dovrà convinvere in queste prime giornate di campionato; fino a quando non sarà riuscito a trovare l’amalgama giusta e dato una precisa identità alla sua squadra.
Ecco le parole di D’Aversa raccolte da Sportparma durante la conferenza del primo pomeriggio al Centro Sportivo di Collecchio:

FORMAZIONE: Può darsi che ci sia qualche elemento nuovo rispetto alla gara di Coppa Italia. La formazione la sceglierò dopo la rifinitura di oggi (alle 17 ndr.) Ci sono diversi assenti, è vero, ma non ho mai creato alibi alla mia squadra. Ci sanno 11 giocatori che andranno in campo. Devo pensare a far crescere la condizione fisica di certi giocatori.

MERCATO: Non sta a me dare giudizi, devo solo ringraziare la società e il direttore (Faggiano ndr.), perché non è stato facile e semplice. C‘è stato un problema che ha rallentato tutto. Finché c‘era l‘incognita della categoria non è stato semplice operare sul mercato.

DEBUTTO IN A: Più che dal mio esordio personale sono incuriosito della partita, della voglia di portare a casa il risultato. Aver allestito la squadra negli ultimi giorni ti priva di qualcosa. La non conoscenza dei giocatori è una fattore importante. Poi ci sono le difficoltà fisiche. Oltre che all‘aspetto personale e all‘emozione per l‘esordio da allenatore in A, che ricorderò in futuro, ho voglia di portare a casa il risultato pieno. La serie A è un campionato molto difficile, ma anche più bello.
Ricordo l‘esordio in A da giocatore, pareggiamo 2-2 a Perugia. Bei ricordi, In particolare ricordo che il gol del 2-2 lo fece Taddei, che rientrava da un incidente stradale dove aveva perso il fratello. Fu una grande emozione per tutti. E con questo voglio riallacciarmi a quello che è successo a Genova: solidarietà ai famigliari che hanno perso delle persone care, indipendentemente dalla scelta di giocare o non giocare.

OBIETTIVI: Sarà un campionato diverso rispetto a come eravamo abituati negli ultimi anni. Ci eravamo abituati bene con i risultati, malgrado alcuni momenti difficili; quest‘anno ci vorrà più pazienza e compattezza. Non siamo tra le favorite, dovremo lottare sempre per ottenere la salvezza e non vanificare quello fatto fino ad oggi. Dobbiamo sudare e lavorare, non ci tireremo indietro..

UDINESE: Sotto l‘aspetto tecnico e fisico ha qualità importanti. Analizzando le gare precedenti dell‘Udinese è una squadra che sotto l‘aspetto difensivo si difende con un 4-4-2. In fase di impostazione non dà punti di riferimento, fa molto possesso palla. Indipendentemente dal sistema di gioco, comunque, conta l‘atteggiamento dei giocatori in campo. E poi anche loro sono usciti fuori dalla Coppa Italia contro il Benevento.

FASCIA CAPITANO: Devo prendere una decisione con la squadra. Quello che mi preme dire è che la fascia da capitano da sola non basta. Serve sempre un nucleo storico di 4-5 giocatori.
Devono essere da esempio per gli altri. Conta il gruppo, lo spogliatoio.

PAZIENZA: Ci vorrà del tempo per vedere la squadra vera, però quello che possiamo fare è lavorare in modo serio. E‘ fisiologico che i giocatori si devono conoscere, ci vuole pazienza, Affinché un collettivo diventi squadra. Credo che possiamo toglierci delle soddisfazioni anche in questa stagione, sono arrivati giocatori di esperienza internazionale come Alves e Gervinho. Mentre gente come Stulac e Barillà vogliono guadagnarsi i loro spazi.