Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Primavera: Parma-Spal 1-2 Mister Catalano: Abbiamo dato tutto
Primavera:

(www.parmacalcio1913.com) – Prima battuta d’arresto per la Formazione Primavera del Parma che – sul Campo Centrale del Settore Giovanile al Centro Sportivo di Collecchio, nello scontro diretto di oggi, sabato 29 Settembre 2018, con la Spal che aveva raccolto gli stessi identici punti dei Crociati nelle prime due giornate (4) – cede 1-2, lasciando, alla fine, i tre punti agli ospiti che valgono il loro primato della classifica. All’appuntamento i ferraresi arrivano più freschi dei parmigiani, reduci da un vero e proprio tour de force, con tre gare in sette giorni, la prima sabato scorso a Salerno, poi terminata col frustrante pareggio 2-2, dopo aver controllato agevolmente il match per 75′ e poi il mercoledì di Coppa a casa Samp: la Spal, invece, non aveva sulle gambe il turno infrasettimanale. Tra l’altro, poi, caratteristica precipua degli ospiti è la fisicità, con un pacchetto arretrato ben strutturato con granatieri centrali alti quasi due metri. Da una parte e dall’altra non fioccano nitide occasioni da gol: la Spal bada a giocare soprattutto con palle lunghe ed eventuali seconde palle sulle quali, però, sono i primi ad arrivare. I primi ad avvicinarsi alla porta avversaria, comunque, sono i biancazzurri: Uzela viene pescato alla perfezione da un lancio a lui indirizzato: lo stop è altrettanto sopraffino, ma il tiro finisce abbondantemente fuori dal territorio oggi presidiato da Bagheria. Il Parma risponde all’8′ con Panati, ben servito da Di Maggio, che dal limite impegna severamente Seri, in tuffo, che riesce a chiudere in corner. Dalla bandierina seguono due calci d’angolo, però senza esito. Al 17′ un cross dalla destra di Panati favorisce Pelle in rovesciata acrobatica, ma non al meglio perfezionata per il disturbo della difesa avversaria. Il vantaggio della Spal arriva al 20′ grazie ad un eurogol su punizione di Esposito dai 25 metri, indirizzato nel 7 alla destra di Bagheria per il centrocampista si tratta del secondo gol consecutivo su calcio piazzato. Alla mezzora Cuellar perdona la svagata difesa gialloblù sparando alto da posizione oltremodo favorevole. Al 35′ Bagheria, in tuffo, si oppone a Spina, che poi cinque minuti dopo (40′) si produrrà in un bel tiro ad incrociare, appena dentro l’area, che però finisce fuori dallo specchio. Il raddoppio, proprio a firma dell’esterno d’attacco ospite, arriverà al 43′, quando riuscirà a finalizzare la perfetta manovra corale dei compagni con un diagonale che supera Bagheria. Per Spina è la prima marcatura stagionale. Al riposo il Parma va sotto di due reti, ma si ripresenta rinfrancato in campo per la ripresa, senza avvertire troppo il peso del doppio svantaggio: produce una buona qualità di gioco, mantiene bene il possesso della sfera ma, come nella prima frazione, senza riuscire ad essere davvero pericolosi sotto rete, sbagliando la scelta finale per mettere in porta un compagno. La Spal continua ad affidarsi ai contropiede, al meglio sfruttando le proprie caratteristiche di fisicità e velocità. Al 12′ st una punizione di Camara dai 30 metri si spegne a lato. Al 19′ st un insidioso tiro di Coulange finisce di poco alto sulla traversa. Il Parma cerca e trova forze fresche: e l’impatto dei subentrati sulla partita è palpabile. Montipò, nel giro di un minuto, al 25′ st e al 26′ st, prova due conclusioni ravvicinate, la seconda sorvola di poco la traversa. Il gol della bandiera lo firma Drissa Camara con una delle sue ormai famose punizioni: il pallone scagliato dai 25′ metri si infila alla destra di Seri dopo aver lambito lo stesso palo. A difesa del vantaggio di misura la Spal abbassa ulteriormente il proprio baricentro e controlla agevolmente: il Parma continua a provarci, ma senza trovare sbocchi.

Questo il commento di Mister Pasquale Catalano, intervistato al termine della gara da Gabriele Majo, Responsabile Ufficio Stampa e Comunicazione del Settore Giovanile e della Squadra Femminile del Parma Calcio 1913:

“Abbiamo trovato una squadra composta da giocatori veramente forti, ma nella prima mezzora siamo stati bene in partita e il loro gol ha spezzato l’equilibrio della gara e abbiano avuto poi una decina di minuti un po’ complicati in cui loro sono stati bravi a concretizzare un’occasione, un taglio. Poi nel secondo tempo siamo tornati bene in campo, senza pensare al risultato, continuando a giocare quello che facciamo; hanno fatto un secondo tempo anche gagliardo con tanti errori, però un secondo tempo dove la squadra ha messo in campo la voglia di trovare il gol. Vanno fatti i complimenti agli avversari che probabilmente hanno anche l’ambizione di salire in Primavera 1, ma noi andiamo avanti per la nostra strada consapevoli che è quella giusta, facendo del gioco e dell’aggressività le nostre armi migliori: sono convinto che i ragazzi possano migliorare ancora tanto. Pagato il terzo impegno in una settimana e la trasferta di Salerno? Il calendario fa parte del gioco, per cui stavolta è toccato a noi scendere in campo dopo un paio di giorni, magari poi troveremo un avversario più avanti nelle stesse condizioni: io per indole non voglio mai crearmi degli alibi, quindi non me ne creo neanche stavolta, non li accetto, anzi oggi accettiamo questa sconfitta consapevoli che abbiamo dato tutto.”

PARMA-SPAL 1-2 (CAMPIONATO PRIMAVERA 2, 3^ GIORNATA DEL GIRONE DI ANDATA) / IL TABELLINO
Marcatori:
27′ Esposito, 43′ Spina, 34′ st Camara

PARMA – Bagheria; Di Maggio (Cap.), Bisagni (15′ st Canalicchio); D‘Aloia (V. Cap. 23′ st Palmieri), Bane, Botturi; Panati (1′ st Kone), Tardivo (1′ st Montipò), Pelle (15′ st Davitti), Camara, Colley. All. Catalano
A disposizione: 12. Corvi, 22. Alborghetti; 14. Vecchi, 17. Lucarelli, 18. Martino, 21. Rallo, 23. Rocchi

SPAL – Seri; Coulange (26′ st Cannistrà), Farcas; Salvi (Cap.), Esposito (V. Cap.), Pessot; Uzela, Nikolic (1′ st Aziz), Chakir (32′ st Clement), Cuellar (32′ st Martina), Spina. All. Cottafava
A disposizione: 12. Fallani; 15. Biolcati, 17. Katuma, 18. Mazzoni, 19. Alessio, 21. Minaj, 23. Campi

Arbitro: Sig. Feliciani di Teramo

Assistenti: Sig. Maninetti di Lovere e Sig. Cubiciotti di Nichelino

Ammoniti: Di Maggio, D’Aloia, Davitti; Nikolic, Cuellar, Uzela

Recupero: 1‘+4′

VIDEO DAL CANALE UFFICIALE YOU TUBE DEL PARMA CALCIO 1913

INTERVISTA A MISTER PASQUALE CATALANO

di Gabriele Majo, Responsabile Ufficio Stampa & Comunicazione del Settore Giovanile e della Squadra Femminile del Parma Calcio 1913

INGRESSO SQUADRE IN CAMPO E CALCIO D’INIZIO

8′ SINISTRO DAL LIMITE DI PANATI DEVIATO IN CORNER. DUE CALCI D’ANGOLO CONSECUTIVI

17′ ROVESCIATA DI PELLE

34′ TIRO DI TARDIVO RIMPALLATO COL BRACCIO

PARMA-SPAL 0-2 (PARZIALE FINE PRIMO TEMPO) – RIENTRO NEGLI SPOGLIATOI

8′ ST, TENTATIVO DI MONTIPO’, FUORI

12′ ST PUNIZIONE DI CAMARA DI POCO A LATO