Privacy | Cookie policy        
HOMESerie A 2019/20CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Torino Mazzarri: Il Parma è una delle squadre più difficili per noi
Torino,

La parole di Walter Mazzarri alla vigilia di Parma-Torino. Il tecnico granata ha spiegato le difficoltà della sfida e la voglia dei suoi di fare il salto di qualità.

IL PARMA: “Il Parma è una delle squadre più difficili per noi. Dobbiamo ricordarci dell‘esperienza negativa che abbiamo avuto con loro in casa. Dove siamo andati all‘arma bianca e abbiamo perso su tre o quattro ripartenza, facendoci trovare non ben messi in campo. Il Parma è organizzato, sa difendersi bene e quando riparte è micidiale con Gervinho e con Inglese. Bisogna affrontarla con la testa e con le gambe, con l‘atteggiamento giusto che può essere aggressivo in certi momenti ma sempre equilibrata. Bisogna stare attentissimi a tutti quei giocatori che si possono inserire”.

LA FORMAZIONE: “Ieri erano ancora tutti stanchi dopo la partita contro il Milan. Il vero problema di quest‘anno è che sì, siamo tutti a disposizione, ma per giocare queste partite bisogna stare al top per 95′. E‘ un problema mio, dato che in Serie A ci sono le panchine lunghe ma le sostituzioni sono ancora tre: non tanti hanno ancora i novanta minuti, devo pensare a soluzioni. Devo avere in panchina quelli giusti per poter fare certe scelte”.

IL MODULO TATTICO: “Faccio valutazioni in base all‘avversario. Col Milan nell‘intervallo mi tornava metterci così. Posso cambiare modulo, ma valuterò di volta in volta la situazione”.

NKOULOU: “Lui si è messo in pari. E‘ partito da zero. Nel frattempo i cinque nel suo ruolo hanno avuto la possibilità di giocare. Ora sono libero per fare qualunque scelta, ora dipenderà da me. Devo decidere e prendere in considerazione tutto. Ma ora è alla pari”.

VERDI: “Lui può fare tanti ruoli. Quando sta bene ha corsa e può aiutare anche il centrocampo. Ma sottolineo ‘quando sta bene‘. In questo periodo, probabilmente, se lo liberiamo da qualche compito difensivo in più può fare meglio. Deve trovare la brillantezza, che non è solo corsa, ma allenamenti giusti, ulla forza e sulla forza esplosiva. Se lo impiegherò lo farò con tutti gli accorgimenti per metterlo nella migliore condizione”.

IL RECUPERO DI IAGO FALQUE: “E’ recuperato fisicamente ma non ha i novanta minuti nelle gambe; anzi, lui ancor meno degli altri. Dunque si tratta di inserirlo gradualmente”.