Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Classifica calciomercato Parma al 10° posto
Classifica

E’ trascorsa una settimana dalla fine del calciomercato e dopo i bilanci tecnici è tempo di quelli economici. Soldi che vanno e soldi che vengono, un via vai che in serie A ha generato un giro d’affari complessivo di 1,18 miliardi di euro in soli due mesi, con un passivo superiore ai 300 milioni. Numeri da record, in senso positivo e negativo, che pongono il calcio italiano alle spalle di quello inglese e spagnolo. Numeri che in molti casi non sono reali, perché non tengono presente della marea di opzioni che farciscono i contratti dei calciatori: obbligo e opzione di riscatto, prestito oneroso, prestito secco, incentivi all’esodo (o soluzioni simili), pagamenti rateizzati, bonus vari.
Questo è solo il bilancio della campagna acquisti/cessioni dell’estate 2019, senza tener conto degli ingaggi. E quanto emerge dalla tabella in fondo alla pagina: sono solo 4 i club italiani che possono vantare il segno più, si tratta di Atalanta, Udinese, Juventus, Sassuolo e Sampdoria. Tutte le altre sono con il segno meno. Nella speciale classifica del calciomercato il Parma si posiziona a metà classifica, esattamente al 10° posto; ma anche in questo caso molti degli investimenti fatti in questa stagione sono stati spalmati sui prossimi 3-4 anni.

01) ATALANTA +38,5
02) UDINESE +27,5
03) JUVENTUS +24,5
04) SASSUOLO +21,5
05) TORINO +5
06) SAMPDORIA +4,8
07) LECCE -2,8
08) LAZIO -3,04
09) HELLAS VERONA -8,2
10) PARMA -12,8
11) BRESCIA -17,5
12) ROMA -17,7
13) GENOA -17,8
14) SPAL -18,5
15) FIORENTINA -19,5
16) CAGLIARI -23,1
17) BOLOGNA -35,3
18) NAPOLI -54,2
19) MILAN -78,5
20) INTER -105