Privacy | Cookie policy        
HOMESerie A 2019/20CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
D‘AVERSA: La Lazio è a livello di Juve e Inter
D’AVERSA:

La conferenza di Roberto D’Aversa alla vigilia di Parma-Lazio, dalla sala stampa del Centro Sportivo di Collecchio:

L’INFERMERIA MIGLIORA: “Nella lista dei convocati ci sono Kulusevski, Karamoh, Cornelius. Non ancora invece Scozzarella. Faremo delle valutazioni in base al percorso di ogni singolo calciatore che non sto qui ad elencare altrimenti vi direi la formazione di partenza…”.

CORNELIUS: “Visto che è l‘unico centravanti di ruolo, ci eravamo prefissati durante la settimana di gestirlo nei carichi di lavoro. A Cagliari ha finito non in ottime condizioni, ha giocato nonostante un problema al gluteo e dopo ha preso una botta. Nei primi giorni di questa settimana abbiamo valutato, il dottore e lo staff medico hanno valutato se fosse soltanto una botta o altro, ma per come si è allenato, è risultato solo una botta. Con lui, indipendentemente dalle problematiche, bisognerà ragionare su una gestione considerato che è l‘unico centravanti. Farà molto probabilmente gran parte delle partite e bisogna considerare che veniva da un infortunio”.

LA LAZIO: “E‘ una squadra forte e lo sta dimostrando in campionato. Mercoledì sera ha pareggiato con il Verona, una partita decisa anche dagli episodi a volte favorevoli e a volte sfavorevoli. E‘ una squadra, secondo me, che negli undici può competere per le prime posizioni perché è una squadra completa. E’ una grandissima squadra, può avere forse difficoltà per competere fino alla fine del campionato per la lunghezza della rosa, ma se si va a ragionare sui singoli calciatori è all‘altezza della Juventus e dell‘Inter. Non dimentichiamo che ha vinto la Supercoppa contro la Juventus, una squadra veramente molto forte. E poi è allenata da un allenatore giovane ma molto bravo e, nonostante la giovane età, dimostrato di essere un allenatore vincente”.

TABU’ LAZIO: “Sotto l‘aspetto dell‘orgoglio c‘è la volontà di portare punti a casa. Poi bisogna analizzare ogni singola partita: lo scorso anno in casa, fino al 75′, eravamo sullo 0-0 e abbiamo buttato via una partita da una punizione per noi e subendo un contropiede. Dobbiamo essere bravi a tenere il risultato in equilibrio, perché la Lazio viene da un turno infrasettimanale e quindi si considera anche l‘aspetto fisico e l‘intensità. Dobbiamo ragionare sul fatto di non concedere alla Lazio la possibilità di andare in vantaggio, perché spesso e volentieri è quello che incide nel risultato finale; a campo aperto possono fare veramente male e possono fare quattro gol a chiunque nell‘arco di 20-30 minuti”.

DUBBI FORMAZIONE: “Ho ancora qualche dubbio, li scioglierò domani mattina. Karamoh è convocato ma non ha fatto ancora una situazione di partita, lo sto convocando per fargli riassaporare il ritiro. Su Kulusevski bisogna ragionare non solo sull‘importanza della partita: rientra da un infortunio, più minutaggio do a Dejan e più c‘è il rischio di una ricaduta o altro. Bisogna ragionare nel non perdere il giocatore. Ho diversi dubbi rispetto alle altre volte perché numericamente siamo di più e ben vengano queste situazioni”.

I COMPLIMENTI DI GASPERINI: “Sono orgoglioso. Significa che si sta facendo un grande lavoro che - ride - almeno da altre parti viene apprezzato”.

GERVINHO: “Penso di aver già detto molto. In questo momento, la Società ha deciso determinate situazioni. Il tempo poi porterà a prendere una decisione, o una o l‘altra, che non dipende solo da me. Lui ha già fatto un passo nei miei confronti. Credo di avere a disposizione un gruppo di ragazzi e di persone intelligenti: credo che alla fine le cose si risolveranno. Questo non dipende solo ed esclusivamente da me, non dipende solo ed esclusivamente dai ragazzi ma dipende da tutti”.