Privacy | Cookie policy        
HOMESerie A 2020/21CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2019/2020 2018/2019 2017/2018 2016/2017 2015/2016 2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
La Juve rivuole gli scudetti revocati ma si dimentica tutto il resto

“Faremo ogni tentativo per riavere gli scudetti”. Sono le parole della Juventus che ieri ha rinvigorito la propria battaglia per riavere gli scudetti delle stagioni 2004/05 e 2005/06. I bianconeri non si danno pace e aspettano la decisione del Tar. “Siamo in attesa della fissazione dei ricorsi al TAR che da ultimo abbiamo proposto avverso la decisione degli organi della giustizia sportiva e del Coni”.
L’era Calciopoli torna a galla sistematicamente e rispolvera antiche rivalità e ipocrisie, perché la Juve guarda solo in casa propria, dimenticando tutti i torti che hanno subito le squadre avversarie.

Uno su tutti, quel famoso Juve-Parma del maggio 2000: siamo al 44′ del secondo tempo quando viene annullato un gol regolarissimo a Fabio Cannavaro (nella foto). Un episodio che scatenò la rabbia di Malesani, Cannavaro e tutto il Parma, il quale a fine gara protestò anche per un rigore non concesso a Fuser e per una spinta di Del Piero su Vanoli in occasione del gol vittoria dei bianconeri.

Alla fine di quella gara l’arbitro De Santis spiegò di aver fischiato “prima che Cannavaro colpisse di testa; quando il Parma ha battuto il calcio d’angolo c’erano due suoi giocatori che spingevano gli juventini, il gioco era fermo e per me psicologicamente l’azione era finita”. Peccato che 20 anni dopo, a processi finiti, lo stesso De Santis cambiò versione: “Errore mio, lo commisi a vantaggio della Juve, lì per lì non mi resi conto, poi rivedendo dopo capii. Non sono mai stato tifoso della Juve, in quella partita feci più danni che favori”.

Alla fine della stagione 1999/2000 fu la Lazio a vincere lo scudetto, mentre la Juve arrivò seconda, ad un solo punto dai laziali. Il Parma, invece, chiuse la stagione al quinto posto dopo lo spareggio perso con l’Inter per la qualificazione alla Champions League.
Alla luce di tutto ciò, oggi cosa dovrebbe fare il Parma? Chiedere la revisione del campionato 1999-2000? Chiedere si essere ammessa alla Champions League? Un risarcimento danni? O un calcio a questo pallone sempre più malato?

 

 

L'articolo La Juve rivuole gli scudetti revocati, ma si dimentica tutto il resto proviene da SportParma.