Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
COMMENTO: capolavoro D‘Aversa Parma senza limiti
COMMENTO:

I capolavori i susseguono, la galleria d‘arte diventa sempre più preziosa. Il 3-1 con cui oggi il Parma ha sbancato il Ferraris e inflitto una dura lezione tattica al Genoa (in casa aveva subito solo un gol), è qualcosa che va oltre ogni logica previsione. Un fenomeno di rara bellezza e in un contesto assolutamente sfavorevole: 8 infortunati, tra cui Gervinho e Inglese, uno stadio notoriamente ostico, il Genoa carico a mille e il gol iniziale del capocannoniere Piatek. Mazzate che piegherebbero la testa a chiunque, ma non al Parma. Una squadra che non finisce di stupire, con una profonda identità tattica e una dedizione al lavoro impeccabile, dove tutti gli interpreti, comprese le seconde scelte, suonano una sinfonia armoniosa, che col passare delle settimane sta conquistando tutti, anche quelli che fino a ieri dicevano che senza Gervinho nelle prossime due partite avremmo raccolto al massimo un punto.

La mano di D‘Aversa su questa squadra è impressionante, ha saputo plasmarla secondo le sue idee tattiche e secondo le caratteristiche del materiale (giocatori) che ha a disposizione. In maniera intelligente e razionale, studiando gli avversari nei minimi dettagli e adattandosi alle situazioni delle singole partite con disinvolta elasticità. Ma, soprattutto, lavorando molto sulla testa di ogni singolo giocatore, in maniera martellante, facendolo sentire importante. Così è avvenuta la consacrazione di quelli che fino a poco tempo fa, per vari motivi, erano considerati dei semplici gregari con poche possibilità di apparizione, vedi Barillà, Iacoponi, Gagliolo, Siligardi e Ceravolo. La vecchia guardia che avanza. Non è la favola del brutto anatroccolo: Barillà non è diventato Pogba, Gagliolo non è Chiellini e Ceravolo non assomiglia a Higuain, ma questo Parma sta andando oltre ogni previsione, sebbene in questo periodo la fortuna stia girando a favore (oggi palo di Piatek e gol giustamente annullato a Criscito). Ci vuole anche quella.

La forza con cui il Parma ha reagito al gol di Piatek è stata devastante. Velenosa come un serpente a sonagli. Il Genoa è rimasto tramortito e malgrado i cambi di Ballardini che nella ripresa ha varato un Genoa a trazione anteriore, le cose non sono cambiate. Anche perché il Parma non ha commesso l‘errore di abbassare il baricentro, anzi ha pressato alto e non ha rinunciato a giocare come invece era successo nel secondo tempo contro l‘Empoli, pur oggi concedendo i fianchi (le fasce) agli avversari e accettando i rischi provenienti dai cross (tanto in area c‘è il gigante Bruno Alves e un portiere para tutto). E questo è un altro segnale di maturità di D‘Aversalandia. Una maturità che si mescola ai sogni, alle suggestioni e ai profumi d‘Europa. La classifica la guardiamo, ma non la commentiamo. E‘ ancora presto.