Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Biabiany e Sprocati riabbracciano Parma: E‘ come tornare a casa
Biabiany

Due ritorni, uno molto romantico e l’altro affascinante. Jonathan Biabiany e Mattia Sprocati. Storie diverse, destini incrociati. Due sterni offensivi che si giocheranno il posto insieme a Ciciretti e Di Gaudio, anche se il francese (Biabiany) in questi anni ha imparato a ricoprire più ruoli, anche terzino.
Sono due storie molto diverse, certo, ma il fascino è identico: Biabiany vuole tornare ad essere protagonista, Sprocati è alla sua prima esperienza in A. Passato, presente e futuro. Il primo è arrivato a titolo definitivo, il secondo in prestito (nel 2012 ha giocato nella Primavera del Parma). Due scommesse ma anche due certezze.
Ecco le parole dei due giocatori e l’introduzione del ds Faggiano, raccolte da Sportparma durante la presentazione del pomeriggio al Centro Sportivo:

FAGGIANO: “Sprocati è un calciatore che viene dalla Lazio, ha sempre fatto grandi campionati. Io lo seguo da sempre, ma lui non lo sa. Ad un certo punto della sua carriera si stava perdendo poi è stato bravo a dimostrare che può giocare a determinati livelli. Lo scorso anno avevo già provato a prenderlo a gennaio ma le cifre non erano accessibili alle nostre tasche. E ora non me lo sono fatto sfuggire.
Biabiany ha fatto di tutto per tornare a Parma. A Milano si allenava da solo, voleva tornare in una città che gli ha sempre voluto bene. Deve tornare ad essere il giocatore che è stato, è venuto a darci una mano.
Parma ne ha passate tante in questi anni, tutti ci sentiamo coinvolti e attaccati alla maglia, come questi giocatori”.

BIABIANY: “Tornare qui è sempre emozionante. I miei bambini sono nati qui. Quando ho saputo che c‘era la possibilità di tornare mi ha reso molto felice. Siamo concentrati sul nostro obiettivo.
Sono un po‘ più indietro rispetto ai miei compagni perché non ho avuto la possibilità di farre il ritiro con loro.
Sono andato via da qui quando eravamo al punto più alto, ci eravamo qualificati all‘Europa League.
Parma è una delle squadre a cui sono più legato.
La velocità non mi manca, è una cosa che non si perde dall‘oggi al domani.
Terzino? In questi anni ho imparato a giocare in ruoli diversi, anche all‘Inter ho fatto il terzino, lo posso fare. Sono pronto a fare quello che mi chiederà il mister.
Con la Spal è una partita chiave, contro una diretta concorrente”.

SPROCATI: “Sono tornato a casa, anche se sono cambiate tante persone, per me è proprio così. Ho fatto la Primavera qui al Parma, sono tornato in un ambiente che conosco e non ho avuto il minimo dubbio quando mi è stata prospettata questa possibilità. Sono stato il primo a voler tornare e sono felicissimo di essere qui. Sono un po‘ indietro di condizione, ho fatto 10 giorni un po‘ a parte ma sono sempre a disposizione del mister. Ho la fortuna di saper giocare in tutte le posizioni in avanti, cercherò di ritagliarmi il mio spazio e poi chiaramente le scelte spetteranno al mister.
Dalla gara con la Spal mi aspetto di poter fare bene. Credo che abbiamo le carte in regola per vincere una sfida sicuramente difficile”.