Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
COMMENTO: tutti colpevoli tutti in ritiro
COMMENTO:

Un pareggio che vale quanto una sconfitta e che spalanca le porte della crisi e del ritiro. Quattro punti nelle ultime quattro partite. Involuzione tecnico-tattica e soprattutto caratteriale. Squadra senza un gioco fluido, senza una precisa identità e alle prese con una perenne sterilità offensiva.
Il pareggio di rigore contro il Perugia ha effetti pesantissimi e non poteva essere diversamente. Prima i fischi assordanti del Tardini al triplice fischio finale, poi il confronto Lucarelli-Curva, il faccia a faccia all‘interno dello spogliatoio, le parole dell‘Ad Carra e del Ds Faggiano che confermano la fiducia a D‘Aversa e infine il ritiro punitivo. Da stasera, infatti, la squadra resterà rinchiusa al Centro Sportivo di Collecchio e poi dovrebbe trasferirsi in Toscana per preparare la prossima sfida contro la capolista Empoli.

A rivitalizzare un brutto Parma non è servito neanche il cambio del modulo, dal 4-3-3 al 3-4-2-1. Modulo che la squadra sembra non aver assimilato in nessun modo, anche perché, prima di questa partita, i problemi non erano in difesa – dove è stato aggiunto un centrale, con lo spostamento di Gazzola sulla linea dei centrocampisti -, semmai in attacco, dove invece non è cambiato nulla in termini numerici (una sola punta centrale).
Ma al di là di questi ragionamenti, che lasciano il tempo che trovano, il malessere del Parma sembra di tutt‘altra natura. Un problema di carattere, di atteggiamento e di senso di appartenenza. Perdere la maggior parte dei contrasti, sbagliare decine di passaggi, arrivare in ritardo sulle seconde palle… tutti indizi che confermano le tesi accusatorie sopracitate. Concetti che hanno imbestialito il pubblico del Tardini. La panchina di D‘Aversa comincia a scricchiolare, ma è chiaro che non è l‘unico responsabile di questa situazione. Ed è il motivo per cui la società ha deciso di andare avanti con lui, anche perché lo spogliatoio è dalla sua parte e i giocatori devono assumersi tutte le loro responsabilità. A Lucarelli (e a pochi altri) il compito di diffondere quel senso di appartenenza alla maglia crociata che questa squadra ha smarrito per strada. Le accuse sono gravi, perché un conto è la tattica (una, due o tre punte), un conto è la mancanza di rabbia e cattiveria.
Le uniche note positiva sono il gol – e il palo - di Ceravolo e l‘esordio di Ciciretti. Dai loro piedi passa il futuro del Parma. Non ci sono dubbi.

Il post scriptum è tutto per Alberto Cerri. Uno con il sangue parmigiano che ribolle nelle vene. Dopo il gol sotto la Nord, ha chiesto scusa con le mani alzate. Un signore del calcio. Ha fatto a sportellate con chiunque e ha combattuto su ogni pallone, senza risparmiare energie. Una lezione al suo Parma, ferito e in preda ad una pericolosa crisi di identità.

 

(Nella foto di Lorenzo Cattani il Parma si dirige negli spogliatoi dopo la contestazione della curva Nord)

 

L'articolo COMMENTO: tutti colpevoli, tutti in ritiro è condiviso da SportParma.