Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
COMMENTO: Parma mentalità e numeri da grande
COMMENTO:

Novanta minuti sontuosi e ventiquattro ore al secondo posto. Una magia di Calaiò, l’ennesima, lancia il Parma ancora più in alto, dove il profumo della serie A è più intenso e inebriante. Ottava vittoria nelle ultime dieci partite, sesto risultato utile di fila. Sono numeri da capogiro che rendono ancora più intrigante questo finale di stagione, con la consapevolezza che il Parma degli ultimi due mesi è un’altra squadra rispetto al balbettante inizio del girone di ritorno.
Una squadra autoritaria, disinvolta, sicura e affamata; che pratica un calcio piacevole, armonioso ed efficace, dove il gruppo è il motore di tutto. Un gruppo che si aiuta a vicenda, che partecipa collettivamente ad ogni azione; che non si esalta e non si deprime; che resiste alle difficoltà, infortuni compresi (da valutare le condizioni di Dezi e Munari).

Un Parma forte che insegue un’impresa titanica, con D’Aversa che ormai è il padrone indiscusso della situazione, capace di leggere e interpretare ogni variante e ogni avversario, anche quando si gioca ogni tre giorni, come venerdì scorso ed oggi.

E’ vero, l’Ascoli è sembrata poca cosa, ma a sei giornate dalla fine contano solo i tre punti. Se poi c’è anche la prestazione, come oggi, allora tutto diventa più semplice, malgrado il risultato andasse messo al sicuro prima, in virtù delle tante occasioni create e sprecate. Dettagli di una gara che oltre a Calaiò ha esaltato le grandi qualità tecniche e morali di Siligardi e Baraye (oggi irresistibili), due giocatori che per un motivo o un altro nel girone d’andata non sono riusciti a lasciare il segno. Oggi il Parma è una cooperativa dove tutti si sentono coinvolti e partecipi, per rendersene conto basta analizzare la fase difensiva alla quale partecipano tutti e 10 i giocatori in campo, occupando tutti gli spazi e impedendo all’avversario di fare gioco se non una miriade di inutili passaggi orizzontali. Mentalità da umili vincenti.

L'articolo COMMENTO: Parma, mentalità e numeri da grande proviene da SportParma.