Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
COMMENTO: i sogni del Parma restano nel congelatore
COMMENTO:

Ambizioni e sogni restano nel congelatore. Dopo quattro vittorie di fila il Parma sbatte contro il muro Cittadella (0-0) e ora deve sperare che Palermo e Frosinone domani non allunghino ulteriormente. E‘ stata una partita bruttina dal punto di vista dello spettacolo, sicuramente un passo indietro rispetto a Frosinone e Palermo. Ma c‘era da aspettarselo, perché il Cittadella è una squadra brava a non far giocare l‘avversario (soprattutto in trasferta), a fare densità a centrocampo e in difesa, ma anche a provocare gli avversari con falli e falletti che fanno perdere la pazienza e tolgono lucidità. Lo 0-0 finale non è uno scandalo, sebbene Paleari (migliore in campo) sia stato più decisivo di Frattali (in due occasioni). Entrambe le squadre hanno fatto poco per vincere, è questa la verità. Come non bisogna dimenticare che un conto è giocare con squadre del calibro di Frosinone e Palermo (che ti fanno giocare e ti concedono spazi) e un conto è giocare con il Cittadella.
Gli alibi non ci piacciono, ma non si può fare a meno di elencare gli assenti: Ceravolo, Da Cruz, Di Cesare, Scavone e Scozzarella. Praticamente mezza squadra. Assenze che tolgono qualità e opzioni a D‘Aversa, anche in vista della gara di Ascoli tra tre giorni. Assenze che impediscono di fare determinate scelte e di cambiare le carte in tavola a partita in corso. Impedimenti che alla fine fanno la differenza, sebbene anche il Cittadella era alle prese con un‘emergenza pesante (6 indisponibili).
Nel posto partita abbiamo assistito al ballo delle dichiarazioni: Venturato ha detto che meritava di vincere, idem D‘Aversa. Punti di vista, certo, ma se c‘è stata una squadra che ha comandato le danze e ha cercato di vincere con maggiore convinzione, questa è il Parma. Magra consolazione, per carità, ma bisogna trovare gli aspetti positivi e andare avanti, perché nulla è compromesso. Segnali confortanti sono arrivati anche da Ciciretti, in campo per metà secondo tempo, oltre che da Barillà e dal solito Iacoponi.

L'articolo COMMENTO: i sogni del Parma restano nel congelatore proviene da SportParma.