Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Il ritorno di Cerri ma da avversario
Il

Il ritorno di Alberto Cerri a Parma. La prima volta da avversario. Un giorno speciale, per lui e il Parma, anche se la crisi dei gialloblù e del Perugia non lascia spazio ai sentimenti e alle coccole. Domenica al Tardini Cerri sarà l’avversario numero uno, forte dei suoi 10 gol e 9 assist in 17 partite (Coppa Italia compresa). La forma dell’attaccante parmigiano è ottima, la voglia di lasciare il segno e è forte. Forte come la voglia di tornare al Tardini, dopo un mese, gennaio, di voci e indiscrezioni che lo hanno accostato alla maglia crociata. Un sogno che non si è avverato.
Il Parma, infatti, ha preferito puntare su un giocatore di proprietà come Da Cruz ad uno in prestito come Cerri. Scelte che hanno diviso la tifoseria, giuste o sbagliate, lo capiremo alla fine della stagione.
Intanto Cerri vive con grande attesa la sfida di domenica pomeriggio, perché tornare al Tardini dove esordì in serie A a soli 16 anni, è un’emozione fortissima, che bisogna sapere gestire. Lui che è cresciuto nella Folgore e poi nel settore giovanile crociato, vincendo uno scudetto Allievi e un torneo di Viareggio e il titolo di capocannoniere. Prima della seprazione e del fallimento del Parma Fc (una ferita sempre aperta), che aprì le porte del mondo Juventus, la squadra che detiene ancora il suo cartellino (scadenza giugno 2020) e che ogni anno lo manda in prestito con la speranza che il 21enne gigante parmigiano (1,94 cm) possa spiaccare il volo defitivamente.
Ora il “nemico” Parma, il “suo” Parma: un mix di ricordi e sogni, ma anche di speranze future. La partita d’andata al Curi la saltò per un problema muscolare. Domenica prossima è un’altra storia, sugli spalti e davanti la tv ci sarà la famiglia intera, compreso il nonno materno Ercole Gualazzini, ex campione di ciclismo: quattro tappe al Giro d’Italia, due al Tour de France e una alla Vuelta.

 

L'articolo Il ritorno di Cerri, ma da avversario รจ condiviso da SportParma.