Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Tanto rumore per nulla l‘indagine su Spezia-Parma verso l‘archiviazione
Tanto

Tanto rumore (e fango) per nulla. Lo scandalo montato da alcune testate giornalistiche è già rientrato. Secondo alcune fonti romane ben informate, contattate dalla redazione di Sportparma nella mattinata di oggi, la Figc va verso l’archiviazione dell’indagine preliminare su Spezia-Parma. Indagine partita dopo la segnalazione di due giocatori spezzini, Alberto Masi e Filippo de Col, che 4 giorni prima della gara avevano ricevuto due sms da Calaiò e Ceravolo, ex compagni di squadra. La denuncia dei due giocatori è partita prima del fischio d’inizio di Spezia-Parma, ultima giornata del campionato di serie B.
In realtà il tono dei due sms inviati dai due attaccanti crociati non farebbe pensare a nulla di strano. Nessun complotto; nessuna partita comprata a tavolino; niente di niente. Semmai una leggerezza; malcostume italiano. Calaiò e Ceravolo, interrogati venerdì scorso a Roma dalla procura federale, presieduta dal dott. Giuseppe Pecoraro, non dovevano mandare quei messaggi. Chiaro. Ma la storia finisce qui. Perché dall’interrogatorio e dal testo degli sms non emerge nessun illecito dimostrabile. Nessuna responsabilità diretta da parte del Parma o dei suoi giocatori, tant’è che oltre a Calaiò e Ceravolo non è stato ascoltato nessun altro tesserato gialloblù. Insomma, non ci sono elementi per procedere, quindi il caso verrà chiuso.
L’archiviazione del caso dovrebbe arrivare entro una-due settimane. Archiviazione che non cancellerà l’ennesima colata di fango che si è abbattuta sul club crociato e i suoi tifosi.

 

 

L'articolo Tanto rumore per nulla, l’indagine su Spezia-Parma verso l’archiviazione proviene da SportParma.