Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
BARI-PARMA 2-1: Calaiò illude poi si scatena Galano
BARI-PARMA

BARI – Un rigore di Calaiò dopo appena 2 minuti (fallo di Tonucci su Baraye) ha illuso il Parma, uscito sconfitto per 2-1 dalla trasferta del San Nicola. Al terzo turno di Coppa Italia passa il Bari, grazie ad una doppietta di Galano. A fare la differenza è stata la differenza di preparazione tra le due squadre, tant’è che i Crociati sono stati in partita per quasi un’ora, poi sono venuti fuori i pugliesi che hanno messo a nudo le fragilità difensive del Parma. La difesa gialloblù, infatti, ha regalato entrambi i gol agli avversari: nel primo tempo un’uscita sbagliata di Frattali e una chiusura in ritardo di Scaglia hanno permesso all’esterno biancorosso di firmare il pareggio; poi nel finale un colpo di testa all’indietro di Lucarelli e un’altra chiusura tardiva di Scaglia, hanno permesso a Galano di segnare un gol da cineteca, in rovesciata (palla sotto la traversa).

A parte questi due svarioni difensivi, il Parma ha tenuto bene il campo, rischiando poco, ma denotando lentezza nella costruzione del gioco e poca inventiva (e intesa) in avanti, con il trio Siligardi-Calaiò-Baraye ancora in fase di rodaggio e praticamente mai pericoloso dalle parti di Micai, se non in occasione del rigore di Calaiò, oltre ad una traversa di Siligardi nel finale, direttamente su punizione, sul punteggio di 2-1. D’Aversa ha lasciato fuori tutti i nuovi acquisti (problemi di condizione?), tranne Siligardi, appunto. E’ ripartito dal 4-3-3, lo stesso modulo dell’amico e collega Grosso che ha bagnato il suo esordio sulla panchina dei pugliesi con una vittoria in extremis, dopo che nella ripresa la sua squadra ha creato 3 limpide palle gol, compreso un palo su turo cross del subentrato Brienza.

Per il Parma c’è ancora tanto da fare, ma questo lo sapevamo già. Di certo non ha aiutato il gran caldo che in queti giorni avvolge l’intera Puglia (si è giocato con temperature che oscillavano tra i 33° e 35°). Il giudizio su Crociati è rimandato, in attesa di vedere i nuovi arrivati (non sono pochi), un compito che D’Aversa dovrà svolgere nei prossimi 20 giorni, per farsi trovare pronto all’inizio del campionato.
Ciao ciao COppa Italia, ma a testa alta e senza fare drammi.

L'articolo BARI-PARMA 2-1: Calaiò illude, poi si scatena Galano è condiviso da SportParma.