Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
COMMENTO: Parma sconfitta indecifrabile
COMMENTO:

Sconfitta indecifrabile. Il manto erboso del Tardini ridotto ad un pantano, le pozzanghere di fango che dettano legge, il gioco frammentato e frutto dell‘improvvisazione… uno scenario invernale che affonda il Parma e porta a galla il Brescia, il quale non vinceva nel Ducato da 19 anni.
Difficile commentare una partita del genere, ma c‘è un vincitore e di conseguenza un perdente, quindi ci sono meriti e demeriti. Anche quando a vincere è la squadra che tira in porta solo due volte (uno per tempo), ma che di contro ha evidenziato una buona organizzazione difensiva e una maggiore agilità negli spazi brevi, con e senza palla. Un Brescia che si è presentato al Tardini in piena emergenza (sei assenza, tra cui capitan Caracciolo), con una formazione imbottita di giovani e in attacco l‘inedita coppia Ferrante-Cortesi (42 anni in due). Il Parma ha risposto col collaudato 4-3-3 (confermata la stessa formazione di Novara) che poi nella ripresa, sotto di un gol, si è trasformato in 4-2-4, con Baraye a destra, Nocciolini a sinistra, Calaiò-Nocciolini centrali (Munari e Dezi a centrocampo). D‘Aversa le ha provate tutte, compreso negli ultimi minuti l‘esordio del cileno Sierralta che si è posizionato in attacco per provare a sfruttare le sue abilità nel gioco aereo. Niente di niente, a parte un mezzo miracolo di Minelli su Insigne, un colpo di testa di Di Cesare ad un metro dalla porta (incredibilmente fuori dallo specchio della porta) e un tiro smorzato dall‘acqua di Di Gaudio, i crociati non hanno creato granché. Ripeto, complice un campo ai limiti dell‘impossibile. Ma vale lo stesso discorso per il Brescia che invece è stato spietato nel colpire alla prima vera occasione, per poi difendersi con il coltello tra i denti, imbastendo anche un paio di contropiede pericolosi.
Partita strana, potremmo dilungarci sulla scarsa propensione degli esterni di D‘Aversa a saltare l‘uomo e arrivare sul fondo, anche quando in area di rigore stazionavano stabilmente due punte; oppure l‘incapacità dei centrocampisti di inserirsi centralmente, o l‘imprecisione nell‘ultimo passaggio… Considerazioni che lasciano il tempo che trovano, perché a calcio si è giocato poco.
Un‘amara conclusione che non cambia il significato della serata: prima sconfitta per il Parma (ancora a secco di gol su azione) e prima vittoria del Brescia. Nessun dramma, siamo solo alla terza giornata.
Il post scriptum è per i tifosi: provocatorio il coro dei bresciani (Ghirardi portali in Europa), simpatica e velenosa la riposta della curva nord con striscioni e un manichino (vedi foto sotto).

L'articolo COMMENTO: Parma, sconfitta indecifrabile è condiviso da SportParma.