Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
COMMENTO: la fiammella resta accesa
COMMENTO:

Un‘inzuccata vincente di Gagliolo e una buona dose di fortuna tengono accesa una flebile speranza. Il Parma è ancora in corsa per la serie A diretta, sebbene venerdì sera, negli ultimi 90 minuti della stagione regolare, servirà un mezzo miracolo: il Foggia dovrà pareggiare o vincere a Frosinone e contemporaneamente il Parma dovrà battere lo Spezia a domicilio. Combinazioni che tengono in sospeso un intero campionato, come è stata la partita odierna contro un Bari organizzato e più appariscente dei gialloblù, ma fin troppo sprecone: 8 nitide occasioni, compresi due legni e una paratona di Frattali su Floro Flores.
Intanto la squadra di D‘Aversa è certa del quarto posto e questo significa che salterà il primo turno dei playoff. Non è un vantaggio di poco conto, soprattutto a livello fisico. Anche perché oggi Scavone e soci sono apparsi in riserva, complice il caldo, una stagione logorante e la solita lunga lista di indisponibili (8), tant‘è che D‘Aversa, bravo a centellinare le poche risorse rimaste e ad aiutare la squadra con i cambi nella ripresa, aveva solo 15 giocatori e 3 portieri a disposizione. E ha fatto il possibile per non snaturare il proprio credo tattico (4-3-3), anche quando il Bari è passato dal 3-5-2 iniziale ad un più offensivo 4-3-1-2, con Brienza libero di spaziare alle spalle delle due punte. Il gol vittoria, il quinto sigillo stagionale di Gagliolo (tanta roba per un difensore), è arrivato proprio dopo il cambio tattico di Grosso. La sofferenza e la battaglia finale, sotto lo sguardo attento del presidente Lizhang (in tribuna), sono la conferma della solidità del gruppo Parma e di uno spogliatoio che dopo una scoppola ha sempre avuto la forza di rialzarsi e riprendere il proprio cammino. Certo, il rammarico per le ultime due sconfitte a Vercelli e Cesena, non lo cancellerà nessuno. A meno che venerdì sera non succeda l‘apoteosi. In ultimo la lotteria dei playoff.

Il post scriptum è per il 25esimo anniversario della Coppa delle Coppe a Wembley (12 maggio 1993: Parma-Anversa 3-1): la vittoria di oggi è il modo migliore per festeggiare un evento che non perderà mai il suo fascino e la sua grandezza.

 

(Nella foto di Lorenzo Cattani lo striscione esposto in circa Nord per festeggiare i 25 anni di Wembley)

 

 

L'articolo COMMENTO: la fiammella resta accesa proviene da SportParma.