Privacy | Cookie policy        
HOMECAMPIONATO 2015/16CALENDARIOCANNONIERICURIOSITA'ARCHIVIO CAMPIONATIARCHIVIO COPPE EU    

Campionati
2014/2015 2013/2014 2012/2013 2011/2012 2010/2011 2009/2010 2008/2009 2007/2008 2006/2007 2005/2006 2004/2005 2003/2004 2002/2003 2001/2002 2000/2001 1999/2000 1998/1999 1997/1998 1996/1997 1995/1996 1994/1995 1993/1994 1992/1993 1991/1992 1990/1991 1989/1990 1988/1989 1987/1988 1986/1987 1985/1986 1984/1985 1983/1984 1982/1983 1981/1982 1980/1981 1979/1980 1978/1979 1977/1978 1976/1977 1975/1976 1974/1975 1973/1974 1972/1973 1971/1972 1970/1971 1969/1970 1968/1969 1967/1968 1966/1967 1965/1966 1964/1965 1963/1964 1962/1963 1961/1962 1960/1961 1959/1960 1958/1959 1957/1958 1956/1957 1955/1956 1954/1955 1953/1954 1952/1953 1951/1952 1950/1951 1949/1950 1948/1949 1947/1948 1946/1947 1945/1946 1943/1944 1942/1943 1941/1942 1940/1941 1939/1940 1938/1939 1937/1938 1936/1937 1935/1936 1934/1935 1933/1934 1932/1933 1931/1932 1930/1931 1929/1930 1928/1929 1927/1928 1926/1927 1925/1926 1924/1925 1923/1924 1922/1923 1921/1922 1920/1921 1919/1920
Sandri 10 anni dopo. Il ricordo dei Boys
Sandri,

Sul proprio sito ufficiale lo storico gruppo ultras dei Boys 1977 ha voluto ricordare così quei giorni di lutto e rabbia che seguirono alla morte del tifoso della Lazio Gabriele Sandri. La notizia della morte del Gabbo arrivo poco prima di un Parma-Juve che si preannunciava ad alta tensione (come sempre). La domenica dopo la tarsferta all’Olimpico per Parma-Lazio. E nel girone di torno un’altra tragedia che colpi Parma e tutto il mondo del tifo organizzato, la morte di Matteo Bagnaresi.

Ecco il ricordo dei Boys:

Stava per iniziare Parma-Juve, nel piazzale ancora deserto del Tardini, la voce disperata di un Ultras Laziale al telefono ci gela il sangue. “Non credete a quello che dicono in tv Gabriele è morto perché gli ha sparato un poliziotto”. Decidiamo immediatamente di non fare la coreografia prevista, di non tifare e di non esporre gli striscioni che da 40 anni ci rappresentano, in segno di lutto e di rispetto. Sintetizziamo il nostro stato d’animo nello striscione ” la morte è uguale per tutti”, striscione già visto negli stadi italiani, 14 anni prima, dopo la morte di Celestino Colombi a Bergamo, su proposta degli Irriducibili della Lazio, molte tifoserie esposero lo striscione “10 1 93 la morte è uguale per tutti”.

Due ragazzi dei Viking ci raggiunsero nel piazzale per dirci che quella non era la giornata giusta per scontrarsi, gesto di mentalità apprezzato da parte nostra. Partiamo in corteo dal Gianni e davanti allo stadio esponiamo alla polizia lo striscione “La morte è uguale per tutti”, praticamente al fianco degli Ultras juventini, per poi portarlo in Curva Nord. Dopo il funerale alla Balduina, partecipato da Ultras di tutta Italia, il calcio non si fermò e la domenica dopo c’era Lazio Parma. Ci presentammo all’Olimpico con il solo “Ciao Gabriele”, entrando 15 minuti dopo come tutto il popolo Laziale, partecipando al loro dolore fino al novantesimo.

Nel girone di ritorno, la trasferta di Torino segnerà definitivamente il destino dei Boys, con la morte del Bagna mentre andavamo a giocare a Torino. La partita fu sospesa, tornammo indietro dall’autogrill di Asti, ad aspettarci in sede i nostri amici in lacrime. La domenica dopo al Tardini arriva quindi la Lazio e i ragazzi della Banda si presentano nel settore ospiti con lo striscione “Ciao Matteo salutaci Gabriele” partecipando anche loro al nostro silenzio e al nostro dolore. Da qui nasce il rispetto tra la nostra tifoseria e quella Laziale: avere vissuto certe situazioni ti fa comprendere meglio quelle passate dagli altri. In questi dieci anni sono state diverse le occasioni in cui noi abbiamo ricordato Gabriele e loro il Bagna. Rispetto genera rispetto, e nel mondo Ultras come in quello di tutti i giorni questo è uno dei valori base, che da poche persone si allarga alle tifoserie. Dopo dieci anni l’11 Novembre siamo a Roma a ricordare Gabriele, al sit in organizzato sotto la Nord dagli laziali. Sul palco salgono gli amici di Gabriele che ricordano quella giornata di dieci anni fa, parla il Roscio, che doveva essere in quella macchina ma che per pura fatalità non ci salì. Parlano gli Irriducibili, che la sera prima hanno riempito Roma di manifesti per Gabriele, hanno un pensiero per Spaccarotella.

Ricordano Gabriele i gemellati della Nord di Milano e della Curva Furlan di Trieste, altra Curva dedicata ad un ragazzo morto per mano della polizia. Parla il Bocia della Nord di Bergamo, il messaggio è chiaro: l’11 Novembre l’unica che ha pagato è stata la famiglia Sandri, non hanno pagato gli Ultras, la galera finisce, la diffida pure, a Giorgio e Daniela il figlio non lo ridarà più nessuno. Il fratello Cristiano ringrazia tutti i presenti, tutte le tifoserie che hanno ricordato, tutti quelli che hanno contribuito a fare sentire meno soli la sua famiglia. Conclude dicendo: “Gabriele è morto a 26 anni, ma grazie a tutti voi che ci siete stati vicini, è stato come averlo accanto ogni giorno e adesso dico che Gabriele ha 36 anni. Sotto il palco molti gruppi ultras hanno portato fiori e striscioni. Gli sguardi si incrociano, il rispetto prevale. Ci sono i Viking, dopo dieci anni si ritrovano le stesse persone che si incontrarono nel piazzale del Tardini prima di Parma Juve. Ci sono gruppi con i quali da anni facciamo riunioni e combattiamo la repressione, le tifoserie che hanno pagato con arresti e diffide l’11 Settembre, i nostri amici Irriducibili di Catania, tutte le tifoserie amiche e gemellate dei Laziali, gruppi Ultras di ogni categoria e naturalmente i Romanisti della Sud. Unici assenti gli Ultras Laziali, quelli in galera o ai domiciliari, nel giorno del ricordo di Gabriele l’ultimo pensiero va a loro che non hanno potuto vivere questa giornata Ultras al fianco dei propri fratelli da stadio.

La giornata si conclude con la messa alla Balduina che vedrà una silenziosa partecipazione da parte degli ultras rimasti.

 

L'articolo Sandri, 10 anni dopo. Il ricordo dei Boys รจ condiviso da SportParma.